EURO: APRE PIU’ DEBOLE, MA RESTA SOPRA LA PARITA’

24 Febbraio 2000, di Redazione Wall Street Italia

Apertura in leggero calo per l’euro che tuttavia riesce a rimanere al di sopra della parità con il dollaro.

Il biglietto verde sta riprendendo quota dopo le affermazioni di ieri del presidente della Federal Reserve (Banca centrale Usa) Alan Greenspan, secondo il quale l’economia americana va bene, e rischi imminenti di inflazione non ci sono, anche se in assoluto non si può escludere per il futuro un rialzo dei tassi.

Il cambio si attesta in questa fase in zona 1,0020/1,0025, quasi un centesimo soto i massimi toccati nel durante ieri e circa mezzo sotto l’indicativo della Bce, Banca centrale europea, di 1,0068. Un euro vale 1936,27 lire.

Il biglietto verde, sospinto dal rialzo del Nasdaq (+3,84%), guadagna anche nei confronti dello yen appena sotto quota 111. La divisa nipponica si rafforza invece nei confronti dalla moneta europea a circa 111,25 (a 111,88 la rilevazione ufficiale della vigilia).

In giornata sono attesi i dati sui sussidi di disoccupazione settimanali e gli ordini di beni durevoli negli stati uniti.