ENI VOLA A MILANO, ENERGETICI CON LE ALI IN EUROPA

22 Giugno 2000, di Redazione Wall Street Italia

In un mercato tornato fiacco, a Piazza Affari brilla il titolo Eni, in rialzo dell’1,2%.

In tutta Europa si assiste a un rimbalzo dei titoli energetici. A Parigi Total Fina Elef cresce dell’1,36%; a Londra Bp Amoco guadagna il 2,3%. Il titolo, a dire la verità, è spinto verso l’alto anche da indiscrezioni di stampa secondo cui il Gruppo Bp sarebbe prossimo all’acquisizione di una partecipazione in China Petrochemical Group.

Alla base di tanta euforia sui titoli energetici c’è l’accordo preso ieri in sede Opec dai Paesi produttori di greggio. La decisione di aumentare la produzione di 710 mila barili al giorno infatti se altrove è giudicata deludente e fonte di nuove preoccupazioni per l’inflazione, sul mercato azionario è stata accolta con favore.

Un tale aumento della produzione non riuscirà a immettere sul mercato abbastanza petrolio da far scendere i prezzi della benzina, ma allo stesso tempo sta già facendo salire la richiesta e, di conseguenza, la quotazione dei titoli energetici.