DI PIETRO CHIEDE SCUSA AI SARDI

22 Febbraio 2007, di Redazione Wall Street Italia

(9Colonne) – Roma, 22 feb – “Sento il bisogno di chiedere nuovamente scusa al popolo Sardo per l’incauta affermazione “banda dei sardi” allorché ho stigmatizzato il comportamento di agenti americani che sono venuti in Italia a sequestrare una persona, tale Abu Omar, e se lo sono portati via”. E’ quanto dichiara il ministro delle Infrastrutture e presidente dell’Italia dei Valori Antonio Di Pietro. “Non intendevo certo riferirmi – prosegue Di Pietro- alla popolazione Sarda ma volevo solo richiamarmi ad una fatto di cronaca avvenuta negli anni ’80 e riportato da tutti gli organi di stampa. In quella occasione – ricorda Di Pietro – arrestammo una banda di criminali coinvolti anche nel sequestro di una bambina che, nel gergo della cronaca giudiziaria venne etichettata come “banda dei sardi”. Ciò nondimeno, riflettendo ora con più pacatezza, devo riconoscere che la mia affermazione è stata infelice e fuori luogo. E’ per tale ragione – conclude il ministro – che sento il bisogno di scusarmi nuovamente”.