DAIMLERC: PER IL 2000 TRANSAZIONE NELLE UTILITARIE

28 Febbraio 2000, di Redazione Wall Street Italia

La DaimlerChrysler ha annunciato che entro il 2000 effettuerà una ‘transazione’.

Smentiti però i colloqui con Peugeot e definiti ‘Congetture’ le voci su Fiat.

‘Nel corso di quest’anno, precisano alla DaimlerChrysler annunceremo una transazione di qualche tipo” nel segmento delle utilitarie.

Lo ha detto Jurgen Schrempp, numero uno di DaimlerChrysler, smentendo al tempo stesso i colloqui per rilevare una partecipazione in Peugeot, con cui sono invece in corso contatti per la nuova Smart.

Schrempp non ha commentato le voci di colloqui con Fiat limitandosi a dire ”continuate ancora a fare congetture”.

DaimlerChrysler, sempre oggi, ha comunicato un utile d’esercizio record di 11 miliardi di euro (circa 22.000 miliardi di lire) per il 1999, il primo anno completo di operatività del nuovo gruppo.

Questo rappresenta un aumento del 28% in rapporto alla cifra di 8,6 miliardi di euro del 1998.

La casa tedesco-americana, considerati anche gli effetti di borsa, ha guadagnato al netto il 20%, attestandosi a 10,3 miliardi di euro.

Gli ottimi risultati raggiunti hanno inciso positivamente anche sul volume d’affari che è
aumentato del 14% per attestarsi sul dato record di 150 miliardi di euro. I ricavi netti di DaimlerChrysler nel 1999 si sono attestati su 5,7 miliardi di euro, cifra che rappresenta una
crescita del 19% in rapporto al 1998.

I profitti per azione sono ammontati a 5,73 euro, a fronte dei 5,3 euro del 1998. I ricavi netti sono cresciuti a 6,2 miliardi di euro (5,4 miliardi nel 1998), i profitti per azione a 6,21 euro (5,58 euro nel 1998).

Nel 1999 l’impresa ha registrato un record nel quarto trimestre con un utile d’esercizio di 2,4 miliardi di euro, vale a dire un +6,7% rispetto all’ anno precedente. Il volume d’ affari del quarto trimestre, in aumento del 20%, è salito a
41,4 miliardi di euro.

Nella assemblea generale, già fissata per il 19 aprile a Berlino, DaimlerChrysler proporrà al suo azionariato un dividendo di 2,35 euro per azione. La somma totale dei dividendi, circa 2,4 miliardi di euro versati all’azionariato, rappresenta il dividendo annuale più elevato delle imprese
nell’indice tedesco Dax.