Crisi editoria, Washington Post va a Bezos (Amazon)

6 Agosto 2013, di Redazione Wall Street Italia

ROMA (WSI) – Il Washington Post passa di mano. La società a cui fa capo lo storico quotidiano viene acquistata per 250 milioni di dollari da Jeffrey Bezos, il fondatore di Amazon. ”L’acquirente – si legge in una nota – e’ un’entità che appartiene a Bezos come individuo e non e’ Amazon.com”.

E così Il quotidiano autore di scoop storici, quali quello del Watergate, passa a sorpresa di mano. Pochi erano al corrente di trattative in corso per la vendita. Nell’ultimo decennio il quotidiano non e’ scampato alle difficolta’ finanziarie che hanno colpito l’industria dei quotidiani e le societa’ dei media tradizionali.

L’ascesa di internet e l’epocale cambio dalla carta alla tecnologia digitale hanno aumentato la concorrenza a scapito delle societa’ dei media tradizionali, innescando un’ondata di fusioni, bancarotte e un processo di consolidamento fra le societa’ di carta stampata e quelle di broadcasting.

La divisione dei quotidiani del Washington Post Co, di cui il Washington Post rappresenta la quota maggiore, ha accusato un calo dei ricavi operativi del 44% negli ultimi sei anni. Proprio le difficolta’ finanziarie hanno spinto il consiglio di amministrazione della societa’ a considerare la vendita. Un processo avviato nel massimo riserbo e affidato alla societa’ di investimento Allen & Co. (ANSA)