Usa, alcuni stati colpiti dalla seconda ondata: i contagi totali arrivano a 2 milioni

11 Giugno 2020, di Alberto Battaglia

Le cause non sono ancora certe, ma in alcuni stati degli Usa la seconda ondata di contagi da coronavirus sembra già partita mentre nel Paese il numero complessivo dei casi supera i due milioni di unità.
Arizona, Texas, Florida e California sono al momento gli stati più colpiti. In Texas sono stati registrati 2.504 contagi mercoledì: il numero più alto dall’inizio della pandemia. In California i ricoveri hanno toccato il loro massimo dal 13 maggio. Per quanto riguarda l’Arizona, il picco di contagi giornalieri è stato toccato appena lo scorso 2 giugno, con 1.187 casi.

Il ruolo del lockdown nella ripresa dei contagi

Non sono chiare le relazioni fra la ripresa dei contagi e le proteste di massa che hanno riempito le strade degli Usa in seguito all’uccisione di George Floyd. Allo stesso modo, anche la riapertura delle attività economiche non sembra essere un elemento in grado di spiegare la ripresa dei contagi. Ad assumere quest’ultima posizione è stata la stessa Task Force della Casa Bianca, per bocca del commissario della Food and Drug Administration, Stephen Hahn.

In California, ad esempio, il lockdown è stato fra i primi a entrare in vigore e fra gli ultimi ad essere rimossi. Eppure, un nuovo focolaio responsabile per oltre metà dei nuovi casi di Covid è partito nella contea di Los Angeles. Lo scenario opposto, però, si è verificato in Texas, stato nel quale il blocco forzato delle attività è stato rimosso, in modo deciso e non senza sollevare controversie, già nel mese di maggio.

Che la riapertura precoce possa essere, da sola, la causa di una seconda ondata è un’affermazione che sembra essere smentita, infine, dall’esperienza del primo stato da aver archiviato il lockdown, la Georgia: in questo stato i casi registrati non hanno mostrato nuove risalite.

I dati della Johns Hopkins University aggiornati all’11 giugno mostrano 112.924 decessi dall’inizio della pandemia e 533.504 guarigioni.