Consulenza finanziaria, per Ellevest se ne avvale solo il 30% delle donne

5 Ottobre 2022, di Alessandra Caparello

Le donne sono meno propense a investire, ma quando lo fanno mantengono la calma e investono più o meno come gli uomini. E solo il 30% delle investitrici ha incontrato un consulente o un pianificatore finanziario. Emerge dall’ultima ricerca realizzata da Ellevest, società di wealthtech costruita dalle e per le donne. Detto questo, quando investe, il gentil sesso fa molte mosse giuste.

Solo il 38% delle donne ha dichiarato di sentirsi preoccupato per la volatilità del mercato, contro il 58% degli uomini. Uno stipendio più alto non significa meno stress finanziario: sorprendentemente, le persone di sesso femminile ricche sentono lo stress finanziario tanto quanto le non ricche. Alcune con un reddito annuo superiore a 250 mila dollari riferiscono di non sentirsi in controllo del proprio denaro.

Tra le altre peculiarità che emergono dal sondaggio troviamo la forte preoccupazione delle donne per il cambiamento climatico. Il 62% degli intervistati lo ha citato come una delle principali preoccupazioni finanziarie, più della pianificazione della pensione (51%), del debito della carta di credito (46%), del mercato azionario (38%) e dei costi di assistenza all’infanzia (30%).

Pandemia e investimenti al femminile

I progressi finanziari compiuti dalle donne dopo la pandemia si stanno vanificando, con l’86% di loro che si sente finanziariamente impreparata a affrontare una recessione.

Come ha dichiarato Sallie Krawcheck, ceo e co-fondatrice di Ellevest “il nostro obiettivo è cogliere in modo esaustivo lo stato di salute finanziaria delle donne, sia attraverso le intuizioni dei sondaggi sia attraverso i dati quantificabili del nostro nuovo Ellevest Women’s Financial Health Index”, ossia l’indice di salute finanziaria al femminile di Ellevest, costruito sulla base di una serie di fattori quantificabili che hanno un impatto sulla salute finanziaria delle donne, tra cui il divario retributivo di genere, l’inflazione, il debito dei prestiti studenteschi, il congedo familiare retribuito, i diritti riproduttivi, donne leader, la fiducia dei consumatori e il debito dei prestiti studenteschi. La ceo di Ellevest ha dichiarato:

“Da tempo sappiamo che il denaro è la prima fonte di stress per le donne. Questo problema si è acuito con il deterioramento della loro salute finanziaria. Infatti, secondo l’EWFHI, la salute finanziaria delle donne è attualmente al primo posto. La loro salute finanziaria è peggiorata durante la pandemia, soprattutto a causa dei livelli di occupazione, ma si è ripresa in tempi relativamente brevi con la ripresa del mercato del lavoro e l’espansione dell’accesso ai congedi familiari retribuiti. Da allora, tuttavia, la situazione è peggiorata a causa dell’impatto sul suo potere di spesa e del rovesciamento delle nubi sul suo futuro economico. Non c’è da stupirsi che la fiducia dei consumatori sia in calo, anche quando le donne tornano alla forza lavoro”.

Donne vittime dello stress finanziario

L’indagine Ellevest sul benessere finanziario 2022 delle donne rivela nel dettaglio che il denaro è la prima fonte di stress per il sesso femminile. Più della metà (59%) delle donne si stressa almeno una volta alla settimana. E solo il 14% si sente preparato ad affrontare una recessione.

Ma lo stress finanziario colpisce le donne in base alla loro età. Dal sondaggio emerge che le più anziane (ovvero quelle della Generazione X e del Baby Boom) sono più preoccupate della volatilità economica pura e semplice, come l’inflazione (91% delle Boomer contro il 66% delle esponenti della Generazione Z), una possibile recessione (81% delle Boomer contro il 45% delle esponenti della Generazione Z) o la necessità di tagliare le spese (76% delle Boomer contro il 55% delle esponenti della Generazione Z).

Le donne più giovani (Millennial e Generazione Z), invece, sono più propense a preoccuparsi dell’impatto che le questioni politiche avranno sulle loro finanze sia a breve che a lungo termine, come i diritti riproduttivi (63% delle donne della Generazione Z contro il 45% delle Boomer), la sicurezza del posto di lavoro (62% delle donne della Generazione Z contro il 52% della Generazione X), il costo dell’assistenza all’infanzia (42% delle esponenti della Generazione Z contro il 21% della Generazione X), i prezzi degli alloggi (51% delle esponenti della Generazione Z contro il 45% della Generazione X) e la rappresentanza dal femminile nel governo (54% delle donne della Generazione Z contro il 38% della Generazione X).

Ma tutte sono unite su una preoccupazione particolare: la loro preparazione finanziaria. Lo scorso anno, il benessere finanziario non era in cima alla lista delle priorità delle persone e la maggior parte delle donne che avevano partecipato al precedente sondaggio di Ellevest, dove era classificato come la forma meno importante di benessere, meno importante del benessere fisico, emotivo e spirituale. Ora le risparmiatrici sono tre volte più propense a considerare il benessere finanziario come fondamentale, secondo solo al benessere mentale. Ciò a dimostrazione che anche le donne si stanno impegnando per praticare regolarmente il benessere finanziario. Come? Due terzi delle donne dicono di aver ridotto le spese, ad esempio.