Italia, come viviamo? Ecco come la vede l’Ocse

25 Novembre 2021, di Leopoldo Gasbarro

Dopo un 2020 devastante, le prospettive per l’Italia e gli italiani stanno migliorando.  Il costo della mancata preparazione al COVID-19 si conta in vite umane, perdita di mezzi di sussistenza e cicatrici sociali ed economiche a lungo termine. La crisi non ha fatto altro che accentuare i problemi già esistenti. La priorità essenziale per favorire la ripresa è rappresentata dalla promozione dell’efficienza della pubblica amministrazione.

Come si vive in Italia?

L’Italia si comporta bene in poche misure di benessere nel Better Life Index. Si colloca al di sopra della media per reddito e ricchezza, equilibrio tra lavoro e vita privata, impegno civico, connessioni sociali e stato di salute, ma al di sotto della media per alloggi, benessere soggettivo, qualità ambientale, lavoro e guadagni, sicurezza personale, istruzione e competenze.

L’Economia

L’economia italiana registra una ripresa costante dalla crisi COVID-19. I rischi per le prospettive sono notevoli, tenuto conto anche delle varianti del virus e dell’andamento dei tassi di interesse a livello globale. Per portare la crescita e l’occupazione a livelli superiori a quelli pre-pandemia è imperativo. Migliorare la composizione della spesa pubblica e delle tasse è indispensabile. Tali miglioramenti, combinati all’attuazione del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza che comprende riforme e investimenti strutturali imprescindibili, possono favorire una transizione più rapida a un’economia più verde e più digitalizzata.

Il denaro

Il denaro, sebbene non possa comprare la felicità, è un mezzo importante per raggiungere standard di vita più elevati. In Italia, il reddito medio disponibile pro capite corretto è di  26 588 dollari, inferiore alla media OCSE di 33 604 dollari annui. Ma c’è un notevole divario tra i più ricchi e i più poveri: il 20% più ricco della popolazione guadagna oltre sei volte tanto quanto il 20% più povero.

L’occupazione

In termini di occupazione, il 58% delle persone di età compresa tra 15 e 64 anni in Italia ha un lavoro retribuito , al di sotto della media occupazionale OCSE del 68%. Circa il 67% degli uomini svolge un lavoro retribuito, rispetto al 49% delle donne.

L’Istruzione

Una buona istruzione e competenze sono requisiti importanti per trovare un lavoro. In Italia, il 61% degli adulti di età compresa tra 25 e 64 anni ha completato l’istruzione secondaria superiore , al di sotto della media OCSE del 78%. Questo è più vero per le donne che per gli uomini, poiché il 59% degli uomini ha completato con successo la scuola superiore rispetto al 63% delle donne.

La salute in Italia

In termini di salute, la speranza di vita alla nascita in Italia è di 83 anni , tre anni in più rispetto alla media OCSE di 80 anni, e una delle più alte dell’OCSE. L’aspettativa di vita delle donne è di 86 anni, rispetto agli 81 degli uomini.

Il livello di PM2,5 atmosferico – minuscole particelle inquinanti dell’aria abbastanza piccole da entrare e causare danni ai polmoni – è di 18,3 microgrammi per metro cubo , superiore alla media OCSE di 13,9 microgrammi per metro cubo. L’Italia potrebbe fare meglio in termini di qualità dell’acqua, poiché il 71% delle persone si dichiara soddisfatto della qualità della propria acqua , al di sotto della media OCSE dell’81%.

 

Senso d’appartenenza

Per quanto riguarda la sfera pubblica, c’è un forte senso di comunità e alti livelli di partecipazione civica in Italia, dove il 92% delle persone crede di conoscere qualcuno su cui fare affidamento nel momento del bisogno. L’affluenza alle urne , una misura della partecipazione dei cittadini al processo politico, è stata del 75% durante le recenti elezioni ; superiore alla media OCSE del 68%.

Senso di soddisfazione

In generale, gli italiani sono meno soddisfatti della propria vita rispetto alla media OCSE. Quando è stato chiesto di valutare la loro soddisfazione generale per la vita su una scala da 0 a 10, gli italiani hanno dato un voto medio di 6,0, molto più basso della media OCSE di 6,5.