Castello di Buttrio. Fortezza tra le vigne

12 Aprile 2021, di Redazione Wall Street Italia

Sui Colli Orientali del Friuli, un boutique hotel unisce la tradizione vitivinicola a un’accoglienza di charme

A cura di Francesca Gastaldi

Situato in collina e circondato da una terra coltivata a vite fin dal Medioevo sorge il Castello di Buttrio, antica residenza oggi sede di un boutique hotel che porta il suo nome. Ci troviamo sui Colli Orientali del Friuli, in provincia di Udine, terra custode di una tradizione tra le più illustri del nostro Paese: gli antichi vigneti coltivati intorno al castello, all’interno di un’area di circa 10 ettari, risalgono al 1940 e con le loro diverse varietà rappresentano la storia vitivinicola del Friuli. Cuore della tenuta è la dimora storica risalente al 1600 e oggi interamente restaurata: è qui che la grande tradizione vinicola, portata avanti dai proprietari ormai da sei generazioni, offre lo spunto per un’esperienza che unisce paesaggi unici, atmosfere di charme e sapori autentici.

Il Castello di Buttrio e i suoi vigneti

Ad accogliere gli ospiti vi è un’infilata di saloni tra cui la Sala Blu, dominata da un imponente lampadario di Murano, e la Sala del Camino, dove muri di pietra e travi a vista creano la cornice ideale per cene riservate. Grazie a una scala in legno proveniente da una nave da crociera triestina di inizio ‘900 si accede al primo piano, dove è possibile acquistare prodotti artigianali della tradizione friulana.

Le otto camere dell’hotel hanno uno stile che unisce elementi antichi, come mobili di famiglia, intarsi e pavimenti a listoni con dettagli moderni e tessuti dai colori vivaci. Ogni stanza ha un affaccio suggestivo sul giardino interno oppure sull’anfiteatro naturale costituito dalle distese di vigneti circostanti.

La reception del Castello e la Junior Suite

Le colline sono l’itinerario ideale per escursioni a piedi, mentre al Castello si possono seguire lezioni di yoga o di cucina, visite guidate in cantina e degustazioni alla scoperta dei prestigiosi vini della tenuta, tra cui spiccano il Sauvignon, la Ribolla Gialla e il Merlot. Bottiglie rese ancora più speciali da un’etichetta che rende omaggio alla storia del Castello: la trama minuta del motivo decorativo stampato a rilievo si ispira infatti all’originale tradizione tessile friulana, scelta nata dal ritrovamento, durante i lavori di ristrutturazione, di sale per l’essiccazione dei bachi da seta. Ad arricchire l’ospitalità del Castello di Buttrio è anche l’agriturismo Tra Le Vigne, per chi cerca un soggiorno in un ambiente rustico ed elegante nel cuore della campagna, e l’Osteria dove si possono gustare i piatti della tipica cucina friulana serviti, durante la bella stagione, sulla terrazza panoramica.

Il boutique hotel offre anche speciali weekend all’insegna del benessere e del relax: dal 15 al 18 aprile 2021 è possibile prenotare un fine settimana che include un soggiorno di tre notti con colazione, un corso di pilates giornaliero, una visita alla cantina con degustazione e un aperitivo in giardino.

Una storia di famiglia al femminile. Il castello di Buttrio, eretto intorno al XI secolo e ricostruito nel 1600, è stato dimoradi numerose famiglie, dai Signori di Buttrio ai Morpurgo, fino a diventare proprietà di Marco Felluga nel 1994. È stata sua figlia Alessandra a dare vita a un lungo processo di recupero che ha visto l’ampliamento dei terreni, la ristrutturazione dei vigneti storici che oggi convivono armoniosamente con quelli nuovi e il lancio dell’azienda vitivinicola nel profondo rispetto del territorio e della sua autenticità. Tutto è stato infatti pensato per mantenere l’identità di un luogo unico, sospeso tra passato e presente. Oggi Alessandra porta avanti le attività della tenuta insieme alle figlie Maria Vittoria, Michela e Maria Eugenia.