BORSE UE: GIORNATA NERA PER TUTTE, TRANNE A LONDRA

4 Dicembre 2000, di Redazione Wall Street Italia

Lunedi’ nero per le principali Piazze europee, che hanno accusato perdite pesanti attorno al 2%. A trascinare in basso il listino soprattutto i titoli bancari e del risparmio gestito, oltre i telefonici e le azioni high-tech. L’indice settoriale Euro Nm ha chiuso in ribasso del 6,18%.

Parigi si e’ fermata con il Cac a -2,31% colpito dalle flessioni di Bnp Paribas (-2,49%), Axa (-1,65%), di France Telecom (-4,59%) e di StM (-2,87%). In controtendenza Alcatel (+2,62%).

Pesante anche Francoforte che procede con il Dax in calo dell’1,57%. Deutsche Bank lascia sul campo il 4,77%, Infineon il 2,11%, Siemens il 2,86% e Deutsche Telekom il 4,27%.

Londra e’ rimasta a galla per tutta la seduta non lasciandosi colpire dall’onda ribassista. Lo Ftse si e’ fermato, infatti, a -0,19%. Poco mossa British Telecom (-0,08%), mentre Vodafone ha perso l’1,38%. L’assicurativo Lloyd’s ha perso il 2%, mentre tra i positivi buon spunto per Reuter (+3,34%).

Tra le altre Borse europee, Amsterdam -1,7%, Madrid -1,87% e Zurigo -0,36%.