BORSE UE: CHIUSURE DEBOLI MALGRADO IL NASDAQ

2 Agosto 2000, di Redazione Wall Street Italia

Ancora una seduta irregolare per le Borse europee, condizionate dall’atmosfera estiva e dall’attesa dei dati Usa sul costo del lavoro che venerdi’ dovrebbero chiarire ulteriormente gli orientamenti di politica monetaria della Federal Reserve.

Alla chiusura delle contrattazioni solo Londra e’ in positivo (+0,21% a 6.392 punti). Deboli i telefonici, come in tutta Europa, con British Telecom a -2,26% e Vodafone a -1,65%. In rosso anche Marconi (-4,33%), mentre Royal Bank of Scotland chiude con un rialzo del 6,32%.

Parigi cede lo 0,07% a 6.528 punti. Pesanti i tecnologici con Alcatel che perde il 3,61%, Cap Gemini il 4,27%. Male France Telecom che chiude a -1,76%. Rimbalzo per Carrefour (+4,53%) e per Equant (+5,6%).

Francoforte perde lo 0,15% a 7.135 punti. Bene Commerz Bank a +3,29% e Deutsche Bank a +3,59%. In ribasso Deutsche Telekom (-1,58%).

Tra le altre Borse europee sale dello 0,76% Amsterdam, dello 0,88% Madrid e dell’1,60% Zurigo.