BORSE UE: CHIUSURE AI MINIMI DIETRO WALL STREET

22 Marzo 2001, di Redazione Wall Street Italia

Le Piazze europee hanno chiuso la seduta sui minimi, dopo una giornata di pesanti vendite su tutti i comparti, difensivi compresi. A pesare, cosi’ come per il listino italiano, è stato il nuovo pesante calo del Dow Jones su cui calano gli artigli dell’orso.

Tra le principali, Francoforte, le cui contrattazioni terminano alle 20:00, è la peggiore con il Dax in rosso del 4,17%. In verde troviamo solo Infineon (+4,31%), mentre arretrano Allianz (-6,1%), Bayer (-4,6%), Deutsche bank (-4,5%), Deutsche Telekom (-6,5%) e Thyssen Krupp (-4,1%).

Londra ha perso il 4,08% e anche qui non ci sono settori che si sinao riusciti a chiamarsi fuori dal bagno di sangue: Royal Bank of Scotland -6,7%, Barclays -6,2%, Bank of Scotland -3,01%, Lloyds -3,2%, Pearson -7,5%, Arm -2,32% e British Telecom -4,86%.

A Parigi il Cac ha ceduto il 3,82% malgrado la tenuta di Alcatel -1,7%, e STMicroelectronics a +0,64%, mentre France Telecom a ceduto sul finale (-3,1%). Forti vendite invece su Axa a -9,4%, Societe Generale -5,9% e Bnp Paribas -4,7%.

Sul listino finlandese troviamo anche il -5,71% di Nokia.