BORSA: SI RAFFORZA IL MIBTEL, CRESCE ANCORA SEAT

23 Febbraio 2000, di Redazione Wall Street Italia

Denaro a Piazza Affari. Gli acquisti sembra stiano premiando i titoli a media capitalizzazione come dimostra la crescita del 2,98% dell’indice Midex.

Ma il quadro è stabilmente positivo, confermato fra l’altro dalla chiusura in rimonta, ieri, a Wall Street. Il Mibtel si guadagna l’1,32% a 32.196 punti.

Enorme la spinta di Stefanel, ammessa alle contrattazioni con un rialzo di oltre il 27% (ora ridimensionato a un pur eccezionale +17,06%) dopo la conferma che sta per lanciarsi nell’universo Internet grazie a una joint-venture con Elserino Piol. Tanto per rimanere nel settore della moda, sale Itierre che continua a beneficiare dell’aumento della quota di Giribaldi. Interesse anche per Benetton (+4,3%), in attesa del via libera dell’antitrust all’ingresso di Edizione Holding in Autostrade (che salgono del 5,77%).

Tra le banche si conferma forte Comindustria (+8,41% dopo la sospensione), mentre continua a correre Fideuram (+3,46%). Sanpaolo Imi intanto guadagna il 2,52% per il rafforzamento dell’asse col Santander.

Interesse per i telefonici (Telecom +1,51%, Tim +3,3%) e le municipalizzate (Acea +3,78%, Amga +4,7%). Rimbalza Fiat (+2,09%), va giù Eni (-0,51%). Seat cresce del 2,16% e si porta a un prezzo di 6 euro (un euro vale 1936,27 lire).

Accelerano i titoli legati a De Benedetti: Cofide +4,52%, Cir +3,79%. Hdp sale del 4,53%; Gemina del 4,71%.