Borsa Milano in ribasso, Unicredit torna in utile nel 2012 ma fa peggio stime

15 Marzo 2013, di Redazione Wall Street Italia

MILANO (WSI) – Braccio di ferro tra rialzisti e ribassisti alla Borsa Milano, che nel primo pomeriggio torna a perdere lievemente terreno, dopo il balzo della vigilia +2,45%. Giornata di scadenze tecniche per Piazza Affari, dove il listino Ftse Mib ha chiuso in flessione dello 0,43% a quota 16.061,15 punti. Spread Btp Bund sotto 315 punti base. Euro chiude in rialzo sopra $1,30.

Pubblicati i risultati di bilancio della banca Unicredit, che nel 2012 torna in utile per un valore di 865 milioni di euro, segnando però una perdita nel quarto trimestre. Il Ftse Mib accentua i cali nel primo pomeriggio fino a -0,55%, poi riduce le perdite rimanendo sotto quota 16.100. Bper vola fino a +11% dopo una serie di giudizi positivi e l’ottimismo dei broker. Tra questi Exane ribadisce la raccomandazione “outperform” sul titolo, con un target price che passa da 7,9 a 8,3 euro.

Tornando a Unicredit, considerate le “eccezionali difficoltà del contesto macroeconomico le proiezioni finanziarie del piano saranno (comunque) riviste”, si legge in una nota. Da segnalare poi che gli utili dell’istituto di Piazza Cordusio sono stati inferiori alle previsioni di profitti per 1,24 miliardi.

Torna comunque il dividendo, proposto del cda nella misura di 0,09 euro per azione (per il 2011 non era stato distribuito e per il 2010 era stato di 0,03 euro per azione). In questo caso il dato è superiore alle stime degli analisti, che vedevano una cedola di 0,06 euro.

Trattative tra i leader europei per gli aiuti a Cipro, mentre Mario Monti in una lettera chiede più margini di manovra all’Italia. Pesano anche i numeri arrivati dagli Stati Uniti, con la fiducia dei consumatori scesa al minimo dal dicembre del 2011. E preoccupa sicuramente il taglio delle stime sull’economia globale operato dall’agenzia di rating Fitch-

La lettera del premier – secondo cui l’Italia potrebbe deviare dall’obiettivo, già conseguito, del pareggio strutturale di bilancio, al fine di fare investimenti pubblici produttivi per la crescita – sarebbe stata accolta, secondo l’intepretazione del ministro per le Politiche europee Enzo Moavero Milanesi.

La richiesta di Monti viene salutata con favore dalla promotrice assoluta dell’austerity, la cancelliera Angela Merkel: “Trovo assolutamente giusto” che l’Italia, come altri Paesi con un rapporto deficit/Pil sotto il 3%, “possa avere un maggiore spazio per gli investimenti, come previsto dal braccio preventivo del patto di stabilita’ e crescita”, afferma la leader tedesca.

Focus sulla dichiarazione del ministro degli Esteri tedesco Guido Westerwelle, che in un articolo sul Financial Times avverte che il 2013 potrebbe essere l’anno peggiore.

Intanto arriva l’ennesima prova del nove dell’impatto a dir poco discutibile delle politiche di austerity sulla riduzione del debito pubblico. Nonostante le manovre di lacrime e sangue che hanno colpito l’Italia, il debito pubblico italiano ha testato un nuovo record storico nel mese di gennaio.

Focus anche sui numeri arrivati dalla Bce relastivi ai rimborsi dei maxi prestiti alle banche: la prossima settimana 20 banche rimborseranno alla Bce 6,82 miliardi di euro dei maxi-prestiti Ltro. In tutto i rimborsi raggiungono cosi’ i 235,8 miliardi, pari al 23% del totale dei prestiti Bce.

Azionario asiatico in rialzo, con l’indice di riferimento MSCI Asia Pacific Index, che chiude la settimana in crescita per la quarta settimana consecutiva, sulla scia del nuovo record testato dal Dow Jones e della conferma a governatore della Bank of Japan di Haruhiko Kuroda.

L’indice è salito +0,7% (+4,6%) da inizi 2013) mentre il Nikkei della Borsa di Tokyo si è attestato al nuovo massimo dal settembre del 2008, incorporando un guadagno +0,5% su base settimanale e balzando oggi +1,5%, con gli investitori che scommettono sull’adozione di ulteriori misure di politica monetaria espansiva dopo la nomina ufficiale di Kuroda.

“C’è un livello di fiducia sulla fase economica che, sebbene debole, rimane positiva”, ha commentato in un’intervista a Bloomberg Tim Schroeders, di Pengana Capital Ltd. a Melbourne – Tale situazione sostiene lo spostamento di fondi dai bond alle azioni. La Cina rimane un rischio, con i timori sulla formazione di bolle nel mercato immobiliare”.

BTP – Spread Italia Germania a 10 anni fa dietrofront dopo un iniziale rialzo, ora perde -0,80% a a 313,53 punti base, a fronte di tassi decennali sui BTP -1,02% al 4,59%. Oggi il Tesoro italiano è tornato sul mercato con un buyback di Btp marzo 2015, aprile 2015 e di tre Cct.

FTSE MIB – Tra i titoli in rialzo in evidenza A2A 5,54% e Ansaldo +2,82%. Tra i bancari Mps debole, balzo di quasi +10% invece per Bper, BPM +3,76%, Banco Popolare +3,55%. Tra i ribassi Generali -2,48%, Mediobanco -1,90%, Fiat Industrial -1,76%, Enel Green Power -1,65%, STM -1,35%.

In ambito valutario, l’euro +0,35% a $1,3059; dollaro/yen -0,53% a JPY 95,58. Euro/franco svizzero -0,15% a 1,2295. Focus sul trend del biglietto verde, che da valuta di finanziamento si conferma sempre più alla stregua di valuta di crescita.

Quanto alle commodities, i futures sul petrolio +0,08% a $93,10 al barile, quotazioni oro +0,22% a $1.594,20.

TRA GLI HIGHLIGHT DI GIORNATA:

Sono usciti i conti di Unicredit- Eni annuncia scoperta nuovo giacimento offshore Angola

Outlook mercati: tori alla carica o tornano gli orsi?.

Da startup a gruppo internazionale con ricavi del +108%: il successo di Insem.

Borsa: Piazza Affari amplia i cali a meta’ seduta, giu’ Enel.

Fiat: Avvenuto Regolamento Prestito Obbligazionario Da 1,25 Mld.

Pharma: titoli segnalati su Insider +50% in un anno.

Dalle casse italiane 43 miliardi nei fondi salva-stato.

Terna: utile netto 2012 +5,5% a 464 mln, dividendo 0,20 euro.

Maire Tecnimont: balzo a Piazza Affari dopo asta volatilita’ (+9,23%).

Crisi: Confesercenti, Tra Gennaio E Febbraio -50% Nuovi Negozi.

Persino Prodi, padre dell’euro, si scaglia contro austerity.

Borsa/ Milano piatta, Ftse Mib -0,03%. Giù Enel e Fiat.

Borsa/ Milano piatta, Ftse Mib -0,03%. Giù Enel e Fiat.

Borsa: Asia sale con dati Usa, attesa su mosse Boj.

______________________

Il mercato è dominato dalle boiling room e sale trading come quella di JPMorgan Chase, dove scommesse fino a un leverage di $200 miliardi e guadagni (o perdite) di 5-6 miliardi sono la norma, nel portafoglio derivati su crediti sintetici. Quindi per vincere sulle lobby bancarie e per non essere continuamente manipolati vi invitiamo – trader, gestori e promotori finanziari della famiglia di WSI – ad essere più sofisticati, piu’ aggressivi, preparati, tecnici, e soprattutto flessibili in un mercato pieno di trappole ma anche di enormi opportunita’. Questo è il vostro spazio per operativita’, commenti flash e strategie di trading. Fatevi sotto.