Belvedere: una vodka all’insegna della sostenibilità

10 Novembre 2021, di Elisa Copeta

Il marchio completa l’impianto di cattura della Biomassa. Un significativo passo avanti negli impegni ‘Made With Nature’ stabiliti nel 2020, questo consentirà alla distilleria di ridurre le emissioni di CO2 del 95% entro il 2022

 

Dopo tre anni di lavori Belvedere Vodka, la prima vodka super premium al mondo, inaugura il primo impianto a Biomassa. Belvedere è stata infatti la prima distilleria di alcolici a ricevere una sovvenzione dalla Commissione Europea per pilotare un ambizioso impianto di cattura della biomassa in loco. Con questa inaugurazione, il marchio annuncia un programma accelerato per ridurre le emissioni di CO2 energia: il nuovo impianto inizierà a produrre energia rinnovabile al 100% , e ridurrà le emissioni di CO2 legate all’energia del 95% entro il 2022.


Il nuovo impianto di cattura della biomassa Belvedere Vodka 

Made With Nature è il progetto introdotto nel 2020 che ha saldamente ancorato il marchio nella natura. In questa nuova era di consapevolezza, Belvedere Vodka ha voluto dimostrare come la sua vodka sia completamente naturale grazie all’utilizzo di ingredienti come la segale polacca, l’acqua pura e una distillazione a fuoco che dona al distillato gusto e carattere. Belvedere si interessa anche della terra, per questo ha deciso di aprire questo impianto a biomassa che riduce le emissioni di CO2.

Il brand sta inoltre compiendo passi importanti nell’affrontare temi ambientali per preservare i terroir da cui proviene la sua segale, implementando nuove pratiche aziendali responsabili e iniziative green innovative.


Il team di Belvedere: Wojciech Kosakowski, Jonas Tahlin, Philippe Schaus, Rodney Williams, presidente e CEO di Belvedere Vodka, Jan Filocha, Lucjan Chrzanowski 

Il presidente e aCEO di Belvedere Vodka, Rodney Williams, ha commentato l’apertura inaugurale dell’impianto a biomassa facendo riferimento a un proverbio cinese: “Un viaggio di 1000 miglia inizia con un passo. Sappiamo di avere molta strada da fare per realizzare le nostre ambizioni di nutrire le terre che condividiamo e proteggere gli ecosistemi e la biodiversità da cui dipendiamo. Questo nuovo impianto a biomasse segna un passo in avanti importante per Belvedere facendo tesoro della nostra convinzione che migliori pratiche commerciali creino un mondo migliore. Stiamo crescendo su questi risultati stabilendo un livello ancora più alto con otto impegni nell’ambito della sostenibilità realizzabili entro il 2025”.

Gli otto obiettivi includono:

  • Conversione all’agricoltura biologica: dal 2020, Belvedere ha iniziato a ricercare ingredienti biologici per tutte le future innovazioni con nuovi prodotti che rifletteranno questo standard già dal 2021. Nel 2023, il marchio inizierà la sua transizione per diventare completamente organico.
  • Recupero dei territori: Belvedere sta attualmente lavorando ad un programma di rigenerazione del suolo che sarà lanciato in Polonia e che mira a proteggere l’impostazione naturale dei terroir agricoli.
  • Riduzione dello spreco di acqua: L’obiettivo è di ridurre lo smaltimento delle acque reflue del 40%, che contribuirà ad una riduzione complessiva del 27% dell’acqua proveniente dai pozzi del marchio entro il 2024.
  •  Energie rinnovabili: Oltre alle fasi dell’impianto di cattura della biomassa, Belvedere sta lavorando per installare una soluzione supplementare di energia solare nella sua distilleria entro il 2023.
  • Packaging sostenibili: Belvedere ha eliminato il 95% della plastica monouso e ha iniziato ad implementare l’eco-design per tutti i nuovi prodotti e POSM. Entro il 2025, Belvedere si impegna a ridurre ulteriormente l’uso della plastica del 50%, aumentare l’uso della plastica riciclata del 50% e aumentare l’uso del vetro riciclato.
  • Collaborazione con le comunità locali per promuovere e fornire energia verde: il marchio sta lavorando ad un piano per fornire alla rete elettrica della città l’energia verde prodotta internamente dal 2025 in poi. Allo stesso tempo, aiuterà i suoi partner agricoli a passare dal 100% allo 0% di dipendenza dal carbone con un nuovo piano per le energie rinnovabili che sarà attuato entro il 2025 direttamente in loco.
  • Recupero e smaltimento dei rifiuti: Entro il 2022, Belvedere mira a convertire il sottoprodotto della distillazione in combustibile. Allo stesso tempo, il marchio sta lavorando ad un piano per recuperare i rifiuti riutilizzando i fumi di scarico con conseguente riduzione del 20% dell’apporto energetico per la caldaia entro il 2021.
  • Collaborazioni con ONG e università per una maggiore protezione ed efficienza delle risorse idriche:
  • Continuo Finanziamento alla Fondazione per la Protezione dell’Ambiente Naturale: Proteggere l’ambiente naturale del fiume locale Pisia-Gągolina progettando un piano di salvaguardia e ripristino da attuare a partire dal 2022.
  • Cooperazione a lungo termine con l’Università Tecnica di Lodz e altre università locali: entro il 2023, Belvedere ha progettato nuove soluzioni tecniche per ridurre ulteriormente il consumo di acqua.