Baratro fiscale Usa: si apre spiraglio decisivo

17 Dicembre 2012, di Redazione Wall Street Italia

New York – Novita’ importanti sul fronte del fiscal cliff, il precipizio fiscale in cui rischiano di finire gli Stati Uniti dal primo gennaio, un evento che rischia di compromettere seriamente la flebile ripresa della maggiore forza economica al mondo.

Lo speaker della Camera John Boehner ha accettato di incrementare il carico fiscale per i ricchi – quelli che incassano almeno $1 milione di reddito per anno.

La Casa Bianca la considera una cocnessione minima, ma e’ gia’ qualcosa e potrebbe aprire le porte per un’intesa al foto finish tra Democratici e Repubblicani divisi sulle manovre di emergenza da adottare per scongiurare la contemporanea scadenza di sgravi fiscali e scatto automatico di aumenti delle tasse per una somma complessiva di 607 miliardi di dollari.

La mini concessione significa anche che le trattative tra le due parti in causa sono ufficialmente avviate. Inoltre, secondo quanto riportato da Lori Montgomery e Paul Kane sul Washington Post, Boehner avrebbe accettato, per la prima volta dall’inizio del confronto a Washington, di alzare di un anno il tetto sul debito.