BANCO DI SICILIA LANCIA CARTOLARIZZAZIONE

3 Marzo 2000, di Redazione Wall Street Italia

Il Banco di Sicilia, assistito da Morgan Stanley Dean Witter e da Mediocredito Centrale in qualità di arrangers, ha lanciato un’operazione di cartolarizzazione attraverso la cessione pro-soluto di crediti in sofferenza netti per un importo di circa mille 195 miliardi. Lo riferiscono ambienti del Banco di Sicilia.

La cartolarizzazione consiste nella cessione del portafoglio di sofferenze ipotecarie e altre operazioni in capo agli stessi mutuatari alla società veicolo Island Finance (Icr4) che finanzia l’acquisto con una emissione obbligazionaria a tasso variabile di 380 milioni di euro (un euro vale 1936,27 lire).

La struttura dell’emissione prevede quattro classi di obbligazioni: la classe A di 237,7 milioni di euro con rating AAA; la classe B di 71,3 milioni di euro con rating AA; la classe C di 42,8 milioni di euro con rating A e la classe D di 28,6 milioni di euro con rating BBB.

Il rendimento delle obbligazioni sarà parametrato all’euribor a sei mesi e il taglio minimo dei titoli, destinati esclusivamente a investitori professionali, è pari a 100 mila euro.

Le obbligazioni verranno servite, in termini di interesse e rimborso di capitale, con i flussi di cassa prodotti dal portafoglio di crediti in sofferenza. Il collocamento dovrebbe concludersi entro marzo.