AD di Deusche Bank rischia fino a 10 anni di prigione

29 Aprile 2015, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI) – Rischia fino a 10 anni di prigione, il co-amministratore delegato di Deutsche Juergen Fitschen, imputato, insieme agli ex numeri uno della banca Rolf Breuer e Josef Ackermann, di falsa testimonianza in una lunga battaglia legale con il gruppo media Kirch, fallito nel 2011.

Dal momento che le accuse sono di natura aggravata, se ritenuto colpevole Fischen, rischia una reclusione che va da uno a 10 anni. Il processo che si è aperto oggi a Monaco di Baviera è l’ultimo atto di una saga cominciata nel 2002.

L’allora amministratore delegato Breuer mise in dubbio in un’intervista la solvibilità del gruppo, contribuendo, secondo l’accusa di Kirch, al crollo dell’azienda. I tre dirigenti sono accusati di falsa testimonianze nel processo che seguì per coprire le responsabilità della banca ed evitare risarcimenti.

(mt)