WIMBLEDON, FINE DELLA DISCRIMINAZIONE

22 Febbraio 2007, di Redazione Wall Street Italia

(9Colonne) – Londra, 22 feb – Le pari opportunità espugnano una delle roccaforti del maschilismo. Per la prima volta dopo 123 anni, il montepremi maschile e femminile del prossimo Torneo di Wimbledon sarà il medesimo. Lo ha annunciato il direttore del torneo Tim Phillips. L’equiparazione dei premi è una consuetudine per gran parte dei grandi tornei tennistici, da New York a Melbourne. Ma in Gran Bretagna no. Nell’ultima edizione di Wimbledon, ad esempio, lo svizzero Roger Federer intascò 655.000 sterline (oltre 970.000 euro) per il trionfo tra gli uomini. La francese Amelie Mauresmo, invece, si dovette “accontentare” di 625.000 sterline (930.000 euro) per la vittoria tra le donne.