WALL STREET TONICA, FORTI ACQUISTI IN AVVIO

2 Settembre 2008, di Redazione Wall Street Italia

Avvio di seduta in forte rialzo per gli indici americani (controlla la performance in tempo reale), spinti dal calo del greggio a livelli che non si vedevano da oltre 5 mesi. Dopo il passaggio dell’uragano Gustav (di intensita’ inferiore a quella prospettata) in Lousiana si sono smorzate le pressioni su inflazione e spesa dei consumatori, complici anche le rinnovate prospettive sul rallentamento economico.

Al momento i futures con consegna ottobre segnano un ribasso di $9.09 a $106.37 al barile. Per gli operatori la prossima fermata per l’oro nero e’ rappresentata dalla soglia psicologica dei $100. A beneficiare ampiamente del raffreddamento dei prezzi e’ l’intera industria aerea, con l’indice XAL in progresso di oltre il 12%.

Hai mai provato ad abbonarti a INSIDER? Scopri i privilegi delle informazioni riservate, clicca sul
link INSIDER

Due i dati macro in programma, il cui rilascio e’ previsto per le 16:00 ora italiana: spesa per le costruzioni (stimato un calo -0.4%) e indice ISM manifatturiero (stime per una flessione a 49.5 punti dai 50 del mese precedente). L’attenzione in settimana sara’ comunque concentrata sul mercato del lavoro: venerdi’ sara’ rilasciato il rapporto occupazionale che dovrebbe mostrare una perdita di 70 mila posti nel mese di agosto.

Sul fronte societario, focus sul settore bancario dopo che la banca del governo koreano, la Korea Development Bank, ha confermato le trattative in atto con Lehman Brothers (LEH) circa un possibile investimento nel gruppo. Il titolo LEH guadagna oltre il 5% nei minuti iniziali.

Tra le news di mergers & acquisitions, in evidenza la proposta di acquisto della giapponese Shionogi per la statunitense Sciele Pharma (SCRX) pari ad un valore di $1.1 miliardi: si tratta del quarto accordo negli ultimi 9 mesi concluso da un’azienda farmaceutica del Sol Levante in territorio Usa.

Sugli altri mercati, sul valutario, l’euro continua a cedere terreno rispetto al dollaro a 1.4480. In ribasso l’oro a $797.00 (-$38.10) l’oncia. In calo anche i Titoli di Stato: il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ salito al 3.86%.

parla di questo articolo nel Forum di WSI