La trappola del “il mio amico ha fatto +10%!”

18 Maggio 2021, di Redazione Wall Street Italia

Articolo di Marco Restelli, Consulente Finanziario

A chi è capitato di dire: “ah se avessi fatto… ah se avessi saputo”? Penso sia successo a tutti nella vita. Molte volte anche negli investimenti. E il metro di paragone spesso è qualche amico o parente che per abilità o fortuna ha fatto un buon affare. Ma questo è davvero un buon metodo? Dipende, vediamo perché.

Valutare i rischi

Molto spesso ci fermiamo al risultato, percentuale o in soldoni, senza chiederci perché questo sia “accaduto”. Mi spiego: seppur un investimento abbia fatto guadagnare tanto, non significa automaticamente che sia il migliore oppure che sia senza rischi. Certo, la crescita del capitale è importante, ma quando si fanno investimenti è necessario porsi una domanda: “a che livello di pericolosità sto esponendo i miei risparmi?”. Questo quesito è fondamentale, perché vedere un +X% come risultato è sempre stupendo, ma il più potrebbe essere presto sostituito da un meno.

Valutare la propria emotività

Quando notiamo che amici riescono a fare buoni risultati, è normale essere ingolosite da questi e decidere di provare anche noi. Ma attenzione, se abbiamo guardato solo al risultato e non alla situazione di ciò in cui stiamo investendo, corriamo un rischio. Quale? Che il vento cambi. Questo potrebbe tradursi in perdite sull’investimento. In questo caso, quale reazione potremmo avere? Se siamo molto emotivi potremmo vendere, maledicendo di aver fatto questo passo. Le emozioni, come ho detto anche in altri articoli, giocano un ruolo fondamentale negli investimenti. In una buona pianificazione finanziaria, bisogna essere consapevoli che i periodi di volatilità ci saranno sempre. Bisogna solo affrontarli sapendo che avranno una fine e possono offrire grandi opportunità.

Il risultato è importante, ma non è tutto

Il numero in fondo al rendiconto è importante ma non è l’unica cosa. Affidarsi ad un professionista serio significa costruire quel risultato pianificando la propria vita finanziaria, per avere una buona risposta ai propri obbiettivi e ad eventuali imprevisti della vita. E questo deve essere fatto in base alle vostre peculiarità e necessità. Tutto questo lo trovate in un metodo preconfezionato a prezzi scontati? Diffidate da chi vi vende facili soluzioni, i rischi sono quelli che abbiamo appena visto.

Il progetto Finanza dal Salotto

Anche per questo è nato il progetto “finanza dal salotto”, in cui do spazio ad una visione realistica della finanza, a portata di social. Nato su Facebook in piena prima ondata della pandemia, per aiutare amici e clienti a mantenere la calma quando gli investimenti calavano e la paura era tanta, ora finanza dal salotto è diventato anche un sito: https://www.finanzadalsalotto.com/ . Le varie rubriche vogliono essere un modo per avvicinare le persone alla realtà finanziaria, sia nella parte più “teorica” che in quella più “pratica”. Seguite la pagina per rimanere aggiornati!

 

Questo articolo fa parte di una rubrica di Wall Street Italia dedicata ai consulenti finanziari che vogliono raccontare le loro esperienze e iniziative professionali. Se siete interessati a pubblicare una vostra storia scriveteci a: social.brown@triboo.it


L’autore è esclusivo responsabile del presente contributo, su cui non è eseguito alcun controllo editoriale da parte di Brown Editore S.r.l.. Il presente articolo non può costituire e non deve essere considerato in nessun caso una sollecitazione al pubblico risparmio o la promozione di alcuna forma di investimento, ne raccomandazioni personalizzate ai sensi del Testo Unico della Finanza