Giovani bisognosi di educazione finanziaria

1 Settembre 2020, di Redazione Wall Street Italia

Mi chiamo Alessandro Fatichi, Team Manager per BNL Life Banker (gruppo BNP Paribas), mi occupo di coordinamento e sviluppo della rete dei consulenti finanziari in Toscana oltre alla gestione del mio portafoglio clienti.

Durante la mia vita di lavoro in banca – prima come operatore di borsa e poi, sino ad oggi, come Consulente Finanziario – mi sono purtroppo reso conto che a molti, giovani e meno giovani, mancano le necessarie conoscenze in materia di economia e di finanza, e spesso anche le più semplici nozioni di base di queste due fondamentali discipline. Ho deciso pertanto di condividere la mia esperienza, cercando di rendere accessibile a tutti le informazioni indispensabili, con un linguaggio semplice ed essenziale, in modo che chiunque possa imparare a districarsi in un mondo complesso, che ha le sue regole, del tutto particolari.

Di solito non ci poniamo il problema della gestione dei risparmi e spendiamo soldi senza conoscere neppure il funzionamento degli strumenti di pagamento che utilizziamo. Solo per fare un esempio: se realizzassimo un sondaggio su quante persone conoscono la differenza tra un bancomat ed una carta di credito, probabilmente avremmo delle brutte sorprese, soprattutto per quanto riguarda i giovani: ciò può, e deve, farci capire quanto sia importante che i genitori si preoccupino di dare un’adeguata formazione ai figli in tal senso.

Tutto quello che è successo e continua ad accadere nel mondo, da un punto di vista di crisi finanziarie di società e di Paesi, ci rivela quanta poca conoscenza, quanta negligenza e perfino quanta disonestà ci siano state anche ai vertici della piramide finanziaria mondiale.

Per questo dopo aver seguito il Master Promobulls sul Personal Branding, nel 2018, ho deciso di portare avanti un progetto che ho chiamato “La finanza amichevole”. Sul sito https://www.finanza-amichevole.it/, trovate pillole podcast e post in cui cerco di fornire informazioni chiare, usando termini comprensibili per tutti, perché sono convinto che una maggiore consapevolezza aiuterà noi, e soprattutto le future generazioni, a capire come funziona il complesso mondo della finanza e a non incorrere in errori che possono pregiudicare la sicurezza economica individuale e collettiva.

I giovani sono i nuovi pilastri della società, è nostro dovere dare loro quella formazione e quelle conoscenze che gli permetteranno di orientarsi in un settore intorno al quale oramai ruota tutto il mondo.
Proviamo ad aiutarli in tal senso. Questo ovviamente vale anche per i meno giovani, la cultura finanziaria in Italia non è molto elevata.

Dopo circa 18 mesi dalla partenza del progetto ho deciso di raccogliere tutti gli episodi in un libro, che è possibile acquistare su Amazon. L’intero ricavato della pubblicazione andrà a favore di Dravet Italia ONLUS. Associazione che nasce con l’intento di agire attivamente per migliorare la qualità della vita dei bambini affetti da questa grave forma di epilessia: la sindrome di Dravet.

Alla prossima!

Questo articolo fa parte di una rubrica di Wall Street Italia dedicata ai consulenti finanziari che vogliono raccontare le loro esperienze e iniziative professionali. Se siete interessati a pubblicare una vostra storia scriveteci a: social.brown@triboo.it


L’autore è esclusivo responsabile del presente contributo, su cui non è eseguito alcun controllo editoriale da parte di Brown Editore S.r.l.. Il presente articolo non può costituire e non deve essere considerato in nessun caso una sollecitazione al pubblico risparmio o la promozione di alcuna forma di investimento, ne raccomandazioni personalizzate ai sensi del Testo Unico della Finanza