UNILEVER: UTILI IN RIALZO RIAVVICINANO BESTFOODS

10 Maggio 2000, di Redazione Wall Street Italia

Unilever NV (UN), il secondo gruppo mondiale nel settore dei prodotti di largo consumo, ha chiuso il primo trimestre con un rialzo dei profitti del 12% riuscendo a superare le aspettative di Wall Street grazie alla riduzione dei prezzi dei prodotti al consumo.

La società anglo-olandese ha registrato utili per 716 milioni di euro ($659 milioni), pari a 0,71 euro per azione. Nello stesso periodo dell’anno scorso i profitti si erano attestati a 640 milioni di euro, pari a 0,57 euro per azione.

Secondo Niall Fitzgerald e Anthony Burgmans, co-presidenti di Unilever, la società, che ha beneficiato della notevole diminuzione dei prezzi degli oltre 1200 prodotti legati al marchio, punta adesso al mercato delle acquisizioni.

Solo la settimana scorsa, Unilever si è vista sbattere la porta in faccia dall’americana Bestfoods (BFO) che ha giudicato inadeguata l’offerta di fusione di $18,4 miliardi.

Oggi, secondo quanto riportato dal New York Times, la società alimentare fa sapere di essere pronta ad accettare una seconda offerta più adeguata al valore dell’azienda. Il gruppo dirigente, dopo aver parlato con i principali investitori, ha ritenuto opportuno non chiudere le trattative con il colosso anglo-olandese.