Tre passaggi per millennials che vogliono iniziare a investire

31 Luglio 2019, di Alessandro Chiatto

La società di investimento TD Ameritrade ha intervistato 1.519 persone di età compresa tra 21 e 37 anni nel 2018 e ha scoperto che solo il 50% ha dichiarato di investire, anche in un proprio conto pensionistico. “Sorprendentemente“, scrive MarketWatch, “investire è probabilmente uno degli obiettivi finanziari più facili da raggiungere“. In pochi passaggi, i millennials possono preparare il terreno per gli investimenti, far funzionare i loro primi conti di investimento e, quindi, cercare obiettivi di investimento più grandi. Tuttavia, ci sono degli accorgimenti importanti prima di iniziare a investire, per evitare di avere fin troppe brutte sorprese.

Impostare un budget

Prima di pensare di buttarti nel mercato azionario o in altre forme di investimento, bisogna assicurarsi che le proprie basi finanziarie siano solide. “Investire è fantastico“, afferma Katrina Welker, un pianificatore finanziario certificato con sede a New York, “ma devi mantienere il tuo budget sotto controllo e stabilisci un’abitudine di risparmio regolare“.

NerdWallet, società finanziaria americana di finanza personale, indica tre fattori prima di iniziare a investire:

  • Pagamenti di debiti ad alto interesse: pagare in anticipo i debiti ad alto interesse. Il consolidamento del debito a un tasso di interesse più basso può accelerare il profitto. Il potere dell’interesse composto deve funzionare in proprio favore, non contro. Quando si investe, si guadagnano interessi sul denaro che viene messo, il che aumenta l’importo sul quale avere più interessi e maggiore guadagno. Con i debiti con interessi elevati, invece, è esattamente il contrario.
  • Risparmio: è necessario creare un fondo di emergenza per coprire spese impreviste, in modo da non dover prelevare denaro dagli investimenti.
  • Istruzione: ricercare approcci diversi agli investimenti. Bisogna valutare e comprendere il proprio orizzonte temporale; qualsiasi importo di cui si ha bisogno entro cinque anni potrebbe essere migliore in un conto di risparmio o ad alto rendimento. Il tasso di rendimento non sarà così elevato, ma si eviterà una perdita qualora si decidesse di ritirare il proprio investimento quando (e se) il mercato entrerà in crisi.

Iniziare con investimenti semplici

Probabilmente il modo più semplice per iniziare a investire è attraverso il piano pensionistico della propria compagnia lavorativa“, afferma Welker. Bisogna approfittare dei decenni che si hanno a disposizione prima della pensione. Investendo dal 10% al 15% delle proprie entrate nel conto pensionistico per molti anni, la combinazione di interessi e rendimenti del mercato genererà probabilmente un considerevole risparmio.

Alzare l’asticella

Essere pronti a investire è questione di mentalità e dipende da ciò che si desidera da esso“, afferma Heather Townsend, pianificatore finanziario certificato a Scottsdale, in Arizona. “Bisogna essere consapevoli che il mercato può avere grandi rialzi e ribassi. Sei disposto a correre questo rischio per il lato positivo?“.

Iniziare a investire puo essere estremamente semplice, ma far funzionare il proprio investimento non lo è. Bisogna affrontare in modo consapevole questo fondamentale aspetto della propria vita. Per sfruttarlo al meglio, bisogna studiare e conoscere al meglio il mercato ed essere consci di quelli che sono rischi ed opportunità.