SARA’ ANNO RECORD PER VENDITE PC, ANALISTI

13 Aprile 2000, di Redazione Wall Street Italia

A Wall Street, dopo aver raccolto l’allarme lanciato ieri da Goldman Sachs, si cominciano a passare al microscopio i numeri del settore tecnologico e i conti non tornano.

Rick Sherlund, analista di punta di Goldman Sachs, aveva rivisto in negativo le stime sul fatturato trimestrale Microsoft a causa di una stagnazione nel mercato dei personal computer. La piu’ grande softwarehouse del mondo e’ caduta in borsa, trascinando con al ribasso i principali produttori di Pc e l’intero settore high-tech.

Le valutazioni di Sherlund tuttavia non convincono altri influenti analisti: “Le vendite non sono andate bene nel primo trimestre? Lo sapevamo gia’, grazie! – ha detto Dan Niles, analista di Robertson Stephens – quello che dobbiamo capire e’ come andranno per il resto dell’anno. Io sono convinto che questo sara’ il periodo migliore dal 1995”.

Analizzando l’andamento delle vendite, si nota che, dopo la battuta d’arresto di gennaio e febbraio, marzo ha segnato una promettente ripresa. Secondo i dati diffusi da The Boswell Report le vendite di Pc sono aumentate in marzo del 27% rispetto a febbraio, ma il dato piu’ interessante riguarda una aumento del 3,2% nei prezzi.

E’ interessante notare che le vendite di personal di “fascia alta”, ovvero al di sopra dei 2.000 dollari, hanno raggiunto la percentuale piu’ alta in assoluto, mentre quelli di “fascia bassa”, al di sotto dei 600 dollari, sono ai minimi.

Il rapporto di Boswell ammette che l’andamento di un mese non costituisce un trend, ma indica altri segnali di miglioramento nel comparto, a cominciare dalla fine dell’effetto “terremoto di Taiwan”. Il primo produttore mondiale di silicio e’ riuscito a ripristinare infatti gran parte dei suoi impianti e nei prossimi mesi la disponibilita’ di memorie e altri componenti tornera’ normale, alleviando la pressione sui costi. Cio’ significa che il margine operativo dei produttori migliorera’ certamente nel secondo trimestre.

Se le vendite di personal computer riprenderanno brio, questo si riflettera’ sull’andamento del fatturato Microsoft(MSFT): nonostante le molte promesse su Linux e le ire dell’antitrust, nessuno ha ancora messo sul mercato un sistema alternativo a Windows, senza il quale ogni personal computer e’ solo un’ammasso di ferraglia.