Petrolio, prezzi in calo per i timori sulla domanda

di Luca Losito
15 Febbraio 2023 15:29

Oggi i prezzi del petrolio sono scesi a causa dei timori sulla domanda a breve termine in vista dei dati chiave sull’inflazione negli Stati Uniti. Al momento della stesura di questo articolo, i future sul greggio Brent sono scesi dello 0,32%, a 86,12 dollari al barile, mentre il greggio US West Texas Intermediate è in calo dello 0,28%, a $ 79,50.

Gli investitori hanno concentrato la loro attenzione sulla possibilità di un potenziale indebolimento delle prospettive della domanda di greggio, poiché i dati sui prezzi al consumo negli Stati Uniti previsti per il 14 febbraio potrebbero costringere la Fed a inasprire la politica in modo molto più aggressivo. Questo potrebbe offrire un momento decisivo per capire quanto sarà grave una recessione a Wall Street.

La Federal Reserve americana ha alzato i tassi di interesse per frenare l’inflazione, creando timori che la mossa potrebbe rallentare l’attività economica e la domanda di petrolio. Inoltre, le preoccupazioni sull’offerta sono state alleggerite quando un carico di greggio azero è salpato lunedì dal porto turco di Ceyhan, il primo dal devastante terremoto nella regione del 6 febbraio.

Venerdì, i prezzi del petrolio sono aumentati a causa dell’annuncio da parte della Russia, terzo produttore di petrolio al mondo, di tagliare la produzione di greggio a marzo di 500.000 barili al giorno, circa il 5% della produzione, come rappresaglia contro i limiti occidentali imposti alle sue esportazioni in risposta al conflitto ucraino.