PIAZZA AFFARI ORGANIZZA LA RESISTENZA

13 Aprile 2000, di Redazione Wall Street Italia

Eni, Enel, Generali, Toro, Pirelli: se Piazza Affari fosse il set di un film, sarebbero loro il manipolo di eroi che fronteggiano il nemico, forse senza speranza.

Il nemico, figurativamente parlando, è la voglia di fuga che sta attanagliando tutti i mercati all’indomani dell’ennesimo crollo a Wall Street, dove il Nasdaq ha lasciato oltre il 7% e dove anche il Dow Jones ha chiuso in territorio negativo.

La Borsa italiana non si scosta dalle altre in Europa, benchè stia dimostrando di riuscire a opporre una certa resistenza: dopo un’apertura a -1,42% tramutatasi subito in -1,64%; alle 10,15 ora italiana il Mibtel si fa trovare a -1,21%. Anche il Mib30 cerca di recuperare, e ora si trova a -1,27%.

Tra i titoli peggiori, molti sono quotati al Nuovo Mercato. E’ il caso per esempio, di Cdb Web Tech, che cede il 6,86%, o di Poligrafica San Faustino, -4,44%; c’è anche Opengate, in ribasso del 4,23%.

Buffetti e Class, che non avevano aperto per eccesso di ribasso, ora sono alle contrattazioni ma perdono rispettivamente il 6,52% e il 2,55%. Oggi Buffetti esce dal Midex, sostituito dal titolo Toro, in buon rialzo con un +2,46%.