Petrolio in rialzo dopo il blocco dell’oleodotto Druzhba. Cosa sta succedendo

9 Agosto 2022, di Gianmarco Carriol

L’Ucraina ha sospeso i flussi degli oleodotti russi verso parti dell’Europa centrale dall’inizio di questo mese perché le sanzioni occidentali le hanno impedito di accettare le tasse di transito da Mosca. Il petrolio greggio Brent di riferimento è balzato di 2 dollari al barile, per poi scambiare vicino a 98 dollari, poiché la notizia si è aggiunta alle preoccupazioni per la riduzione delle forniture di energia.

L’Europa dipende fortemente dal greggio russo, dal diesel, dal gas naturale e dal carbone. I prezzi dell’energia sono aumentati quest’anno a causa della scarsità di offerta, mentre l’Europa si affretta a sostituire l’energia russa con forniture alternative.

I flussi lungo la rotta meridionale del gasdotto Druzhba sono stati interessati, mentre la rotta settentrionale che serve Polonia e Germania rimane intatta.

La sospensione dei flussi dei gasdotti di oggi colpirà paesi come Slovacchia, Ungheria e Repubblica Ceca, che dipendono tutti fortemente dal greggio russo e hanno una capacità limitata di importare forniture alternative via mare. Il fatto che le raffinerie debbano importare petrolio marittimo con un preavviso così breve renderà il lavoro per garantire forniture alternative ancora più difficile in un mercato petrolifero già ristretto, hanno affermato i commercianti.

La società energetica ungherese Mol e l’operatore di gasdotti slovacco Transpetrol hanno confermato che i flussi sono stati interrotti per alcuni giorni a causa del pagamento delle tasse di transito.

L’Ungheria è uno dei paesi più dipendenti dal petrolio russo e il suo governo ha esercitato forti pressioni per concedergli l’esenzione dalle più ampie sanzioni dell’Ue nei confronti di Mosca.

La russa Transneft ha dichiarato di aver effettuato i pagamenti per il transito del petrolio di agosto all’operatore di oleodotti ucraino UkrTransNafta il 22 luglio, ma il denaro è stato restituito il 28 luglio poiché il pagamento non è andato a buon fine.

Transneft ha affermato che Gazprombank, che ha gestito il pagamento, sostiene il denaro è stato restituito a causa delle restrizioni dell’Unione Europea.

L’impatto delle sanzioni sul petrolio

In base alle nuove sanzioni, le banche europee devono ricevere l’approvazione da un’autorità governativa competente invece di decidere da sole se consentire una transazione, ha affermato Transneft. La società sta valutando sistemi di pagamento alternativi, ma ha inviato una richiesta per consentire la transazione, ha affermato il monopolio del gasdotto.

L’ungherese Mol e Unipetrol, controllate da Pkn Orlen, sono i principali acquirenti di petrolio attraverso la rotta Druzhba, nota anche come pipeline dell’amicizia, mentre le russe Lukoil, Rosneft e Tatneft sono i principali fornitori di petrolio.

Da marzo, Ungheria, Slovacchia e Repubblica Ceca hanno fatto ampio affidamento sulle forniture di greggio degli Urali russi tramite l’oleodotto Druzhba e hanno ridotto i loro acquisti di greggio marittimo.

Un calo della domanda europea di petrolio russo da quando la Russia ha invaso l’Ucraina alla fine di febbraio ha spinto il valore degli Urali marittimi, che servono a prezzare le consegne di Druzhba, allo sconto più ampio della storia rispetto al benchmark del Brent.

La Russia normalmente fornisce circa 250.000 barili al giorno attraverso la tratta meridionale dell’oleodotto Druzhba. Il paese, che è il secondo maggiore esportatore mondiale di petrolio e principale esportatore di gas, ha già ridotto i flussi di gasdotti verso molti membri dell’Ue, citando problemi con la manutenzione delle turbine sul gasdotto Nord Stream 1 e sanzioni contro alcuni acquirenti che Mosca descrive come “ostili”.