Società

PARMACRACK, PROCESSO
PER 5 BANCHE

Questa notizia è stata scritta più di un anno fa old news

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell’ autore e non necessariamente rappresenta la linea editoriale di Wall Street Italia, che rimane autonoma e indipendente.

(WSI) –
«Rinvio a giudizio per cinque istituti di credito». I pm milanesi che indagano sul crac Parmalat, Francesco Greco, Eugenio Fusco e Carlo Nocerino, ieri hanno chiesto il processo per Deutsche Bank, Ubs, Citigroup, Morgan Stanley e la società di gestione del risparmio di Banca Intesa, Nextra. L´accusa, che coinvolge 13 funzionari delle banche, è di aggiotaggio informativo nella vicenda che ha portato al fallimento il gruppo alimentare.

Più in particolare Citigroup è sotto accusa per la cartolarizzazione Archimede, mentre le altre quattro banche sono sul banco degli imputati per aver agito come advisor delle obbligazioni Parmalat, vendute poi sul mercato retail.

APPENA 299 TITOLI QUOTATI SU BORSA ITALIANA, BEN 5.964 TITOLI QUOTATI SU NASDAQ E NYSE. CHE ASPETTI? E QUI SU WALL STREET ITALIA TROVI LE QUOTAZIONI IN TEMPO REALE E IL BOOK A 15 LIVELLI DI TUTTE LE AZIONI AMERICANE! CLICCA SU >>>[TOTALVIEW]<<< ALL'INTERNO DI INSIDER

Nel corso della loro requisitoria i magistrati hanno ripercorso l´ultimo anno di vita della Parmalat di Calisto Tanzi, arrivata a capolinea nel dicembre del 2003 con un buco da 14 miliardi di euro, ricostruendone soprattutto le emissioni obbligazionarie. In particolare il pm Fusco ha spiegato, nel corso dell´udienza preliminare, che «Parmalat non è stato solo il crac di una delle più grandi multinazionali europee, ma anche un caso di utilizzo spregiudicato dei corporate bond». Nel solo 2003 vennero emesse obbligazioni per oltre 1 miliardo di euro e alla data del fallimento i debiti sotto forma di bond erano di 7 miliardi, molti dei quali finiti nelle tasche dei piccoli risparmiatori.

«Fu sconcertante – continua Fusco – scoprire che un colosso come Parmalat non riuscisse a far fronte a un bond da 150 milioni». L´udienza proseguirà il prossimo 19 febbraio con l´intervento delle parti civili, mentre le banche inizieranno il 28 febbraio.
Secondo l´accusa, banche e dirigenti non avrebbero predisposto il modello organizzativo adatto a prevenire la commissione del reato di aggiotaggio.

Copyright © La Repubblica per Wall Street Italia, Inc. Riproduzione vietata. All rights reserved