MILANO: MIBTEL AI MINIMI, CIR SOSPESE DI NUOVO

22 Marzo 2000, di Redazione Wall Street Italia

Allel 16,30 la Borsa di Milano è ai minimi della seduta con il Mibtel che perde l’1,41% e il Mib30 che sacrifica l’1,11%. Per il Midex, un calo di oltre il 3%. Nel frattempo i titoli Cir sono stati nuovamente sospesi per eccesso di ribasso dopo un ultimo prezzo di 4,91 euro (-14,83%; un euro vale 1936,27 lire)).

La debolezza di Piazza Affari si inquadra in uno scenario reso più incerto dall’avvio dei mercati azionari americani, caratterizzati dalla flessione del Dow Jones ma anche dal recupero del Nasdaq.

Milano si mostra più debole anche rispetto ad altri indici in Europa, dove il Dax tedesco guadagna lo 0,22% (ma Parigi cede lo 0,37%). Secondo gli analisti il mercato non trova più alimento nell’euforia dei borsini, che con gli acquisti al meglio avevano fatto impennare le quotazioni di molti titoli, soprattutto dei cosiddetti Tmt (telecomunicazioni, media e tecnologici), mentre ora pesa la mancanza di temi forti su cui puntare.

In questa situazione, forti perdite per Aem a -5,6%; Seat cede oltre il 5%; sulla stessa linea il ribasso per Tecnost e Olivetti. Tim cedente con -0,1%.