MILANO: CHIUSURA COL BOTTO A +2,68%

24 Marzo 2000, di Redazione Wall Street Italia

Termina in forte rialzo la seduta di Piazza Affari. Il Mibtel ha segnato un progresso del 2,68% a quota 32.946 e il Mib30 è salito del 2,86% a 48.549 punti.

Brillanti Bnl in aumento del 5,57% a quota 3,78 e Mediaset che, in attesa dei dati relativi al ’99 che saranno resi noti nel cda di martedì prossimo, segna un aumento del 5,5% a quota 23.

In forte crescita anche il comparto dei titoli telefonici a partire da Tim che cresce del 7,4% a quota 12,72. Telecom sale del 3,93% a quota 17,48, Tecnost del 3,87% a quota 4,16, mentre Olivetti aumenta solo dell’1,21% a quota 4.

Eni chiude in lieve ribasso. “In questi giorni di ribassi Eni ha tenuto, mentre oggi è stata venduta per passare sui tecnologici”, dice un operatore. Stesso discorso per Popolare Milano che oggi ritraccia.

Vola Comindustria sulla notizia della quotazione di Onbanca al Nuovo mercato entro l’anno, forse entro l’estate.

Per restare al Nuovo mercato, oggi è stata una seduta contrastata con tre su sette titoli positivi. Prosegue lo storno su Cdb Web, società nata dallo spin off del ramo d’azienda finanziario di Aedes, che ha perso oltre il 13% a 49,95 euro. Il titolo si muove comunque bel al di sopra del prezzo teorico fissato dalla Borsa a 38,8 euro.

Aem positiva in attesa della quotazione di e.biscom e dopo il boom delle richieste in fase di collocamento. Enel guadagna oltre l’1%.

Fuori dal Mib 30 va segnalato L’Espresso che cresce del 13,07% a quota 22,02.