L’integrazione tra Pfizer e Wyeth: Costruire Salute Insieme

16 Ottobre 2009, di Redazione Wall Street Italia

Pfizer Inc. (NYSE: PFE) ha annunciato oggi l’integrazione delle proprie attività operative con quelle di Wyeth dopo il perfezionamento dell’acquisizione avvenuto ieri. Sia nei paesi industrializzati che in quelli emergenti, Pfizer offrirà una gamma di prodotti ancora più diversificata: farmaci per uso umano e veterinario, prodotti farmaceutici di largo consumo, vaccini, farmaci biologici, quelli basati sulle molecole di piccole dimensioni e prodotti nutrizionali. La nuova azienda mette a disposizione farmaci in numerose aree terapeutiche, può vantare una robusta pipeline e centri di ricerca e produzione di altissimo valore a livello internazionale. “La nuova Pfizer è oggi più forte e potrà avvalersi di personale, risorse, pipeline e impianti produttivi tra i più qualificati del settore”, ha dichiarato Jeffrey B. Kindler, Presidente e Amministratore delegato di Pfizer. “Abbiamo la responsabilità di trasformare questi punti di forza in risultati apprezzabili non solo per i nostri azionisti, ma anche per i pazienti, i clienti e le comunità nelle quali operiamo. Misureremo il nostro successo sulla capacità della nostra azienda di tenere fede ai suoi nuovi impegni, tra cui la promozione del benessere, della prevenzione, delle terapie e delle cure, per soddisfare i bisogni di salute a livello globale, ottimizzando nello stesso tempo la nostra performance finanziaria. “Siamo lieti di dare il benvenuto ai nuovi colleghi provenienti da Wyeth, tra i quali numerosi ricercatori e leader di grande valore”, ha aggiunto il Presidente Kindler. “Siamo orgogliosi che i nostri colleghi vecchi e nuovi abbiano le competenze e l’esperienza indispensabili per portare avanti il nostro lavoro e condividano il nostro impegno per migliorare la salute e il benessere in ogni fase della vita.” Avvio del processo di integrazione Dopo l’annuncio dell’accordo di acquisizione diffuso lo scorso gennaio, i gruppi di lavoro incaricati di realizzare l’integrazione tra Pfizer e Wyeth si sono impegnati per assicurare l’immediata operatività della nuova azienda subito dopo il perfezionamento della fusione. A questo scopo, Pfizer aveva precedentemente annunciato la riorganizzazione delle attività di ricerca e sviluppo, il potenziamento della rete commerciale e la nomina di alcuni leader nelle posizioni che sarebbero divenute operative con la conclusione dell’acquisizione. Grazie a questo approccio Pfizer potrà beneficiare immediatamente dei vantaggi derivanti dall’integrazione con Wyeth. “La nostra capacità di portare a termine l’operazione con tanta rapidità e di essere operativi già a partire dal Day One è la prova dell’impegno dei gruppi di lavoro incaricati dalle due aziende di realizzare l’integrazione”, ha dichiarato il Chief Financial Officer di Pfizer Frank D’Amelio che guida l’integrazione. “La continuità delle attività aziendali è stata la nostra priorità durante l’intero processo di integrazione e fin da ora i nostri manager e colleghi possono contare sulla solidità finanziaria, sull’efficienza operativa e sull’ampia gamma di prodotti per continuare a migliorare la nostra performance.” Potenziamento e diversificazione del portafoglio Ora Pfizer possiede un portafoglio ampio e diversificato di prodotti ed è leader di mercato in quasi tutte le più importanti aree terapeutiche. La nuova azienda nata dalla fusione ha rafforzato la capacità produttiva nei settori delle biotecnologie, dei vaccini, dei farmaci di largo consumo, dei prodotti nutrizionali e di quelli veterinari. Pfizer è oggi nelle migliori condizioni per ottenere un considerevole e stabile incremento dei ricavi e dell’utile per azionei rettificato diluito, sia a breve che a lungo termine. Si prevede che nel 2012 nessun singolo farmaco produrrà più del dieci per cento dei ricavi della nuova azienda nata dalla fusione. La nuova azienda ha a disposizione una ricca pipeline in campo biofarmaceutico, in aree terapeutiche di grande importanza come il morbo di Alzheimer, le neuroscienze, l’oncologia, il dolore, il diabete e le malattie infiammatorie. La capacità d’innovazione della nostra azienda è stata notevolmente potenziata dalla collaborazione tra i migliori ricercatori delle due società, dalla disponibilità di capacità scientifiche e produttive di primo piano e dalla nostra rete internazionale di centri che eseguono gli studi di fattibilità dei progetti di sperimentazione clinica. Una struttura operativa internazionale flessibile e attenta alle esigenze del paziente Da ora in poi Pfizer opererà attraverso Business Unit più che mai attente alle esigenze dei pazienti, coadiuvate da divisioni specializzate nella veterinaria, nei farmaci di largo consumo e nei prodotti nutrizionali, che per rapidità d’intervento e flessibilità non temono il confronto con le piccole aziende specialistiche, potendo inoltre avvalersi delle risorse e delle dimensioni tipiche di una società internazionale. Le divisioni sono strutturate in due gruppi al fine di consentire ai leader non solo di individuare le nuove opportunità e di far fronte alle sfide che si presentano nelle Business Unit, ma anche di definire con maggiore precisione le priorità dell’azienda. Le Biopharmeceuticals Business units sono: Emerging Markets, Established Products, Oncology, Primary Care e Specialty Care comprendente anche i vaccini. I Diversified Businesses sono: Animal Health, Capsugel, Consumer HealthCare e Nutrition. Pfizer dispone ora di due distinte divisioni di ricerca e sviluppo, che ci consentono di cogliere nel modo migliore le nuove opportunità offerte dalla ricerca biofarmaceutica: PharmaTherapeutics Research & Development si dedicherà allo studio delle molecole di piccole dimensioni, mentre BioTherapeutics Research & Development si occuperà delle ricerche sulle molecole di grandi dimensioni, compresi i vaccini. Le singole unità appartenenti alle due divisioni di ricerca sono guidate da Chief Scientific Officers di alto livello. who act as single points of accountability for delivering positive proofs-of-concept for Pfizer’s businesses to develop. Abbiamo ampliato la nostra presenza internazionale, in particolare negli Stati Uniti, in Europa, in Asia e nell’America Latina, e possiamo dedicare maggiori energie ed aiutare i pazienti in alcune importanti aree emergenti, tra cui la Cina e il Medio oriente. Leadership L’Executive Leadership Team di Pfizer, che comprende leader provenienti da Pfizer e Wyeth, è così composta: Jeffrey B. Kindler – Chairman & Chief Executive Officer Frank D’Amelio – Chief Financial Officer, Senior Vice President, Business Operations Mikael Dolsten – President, BioTherapeutics Research & Development Freda Lewis-Hall – Senior Vice President, Chief Medical Officer Martin Mackay – President, PharmaTherapeutics Research & Development Mary McLeod – Senior Vice President, Human Resources Ian Read – Group President, Worldwide Biopharmaceutical Businesses Cavan Redmond – Group President, Diversified Businesses Nat Ricciardi – President, Manufacturing Bill Ringo – Senior Vice President, Business Development, Strategy & Innovation Amy Schulman – Senior Vice President, General Counsel Sally Susman – Senior Vice President, Chief Communications Officer Oltre all’Executive Leadership Team, Jeff Kindler ha istituito il Executive Compliance Committee, presieduto da lui stesso. Il Comitato è composto da Doug Lankler, che in qualità di Chief Compliance Officer riporta direttamente al Presidente Kindler, e dal Chief Internal Auditor Hugh Donnelly, che riferisce all’ Audit Committee of the Board of Directors e a Frank D’Amelio. Gli altri membri del Executive Compliance Committee saranno Frank D’Amelio, Ian Read, Cavan Redmond e Amy Schulman. “Pfizer otterrà grandi vantaggi dalla competenza professionale e dall’expertise dei componenti dell’ Executive Leadership Team”, ha dichiarato il Presidente Kindler. “L’Executive Compliance Committee, appena costituito, sarà un importante strumento e consentirà la totale partecipazione dei nostri leader al costante impegno dell’azienda, per far sì che il rispetto delle regole e l’integrità diventino parte inscindibile di tutte le attività svolte da Pfizer.” Sono in via di definizione le decisioni in merito alle strutture organizzative e all’ubicazione delle sedi e lavoreremo per renderle operative in tempi brevi. Tutte le decisioni relative sono subordinate all’esito delle consultazioni con le organizzazioni sindacali, nonché al rispetto delle disposizioni di legge vigenti. Financial Highlights Prevediamo l’aumento dell’utile per azione1 rettificato diluito nel secondo esercizio completo successivo al perfezionamento dell’acquisizione e l’ottenimento di sinergie pari a circa 4 miliardi di dollari USA entro la fine del 2012. Tali sinergie, che si aggiungeranno ai 2 miliardi netti di riduzioni dei costi previsti entro la fine del 2011 indipendentemente dall’acquisizione di Wyeth, saranno realizzate nelle attività di vendita, informatiche e amministrative, nella ricerca e sviluppo e nella produzione industriale. Pfizer: Costruire Salute Insieme La nostra mission è contribuire al miglioramento della salute e del benessere in ogni fase della vita mettendo a disposizione le nostre conoscenze scientifiche e le nostre risorse. Il nostro obiettivo è stabilire gli standard di riferimento in materia di qualità, sicurezza e valore nelle fasi di scoperta, sviluppo e produzione di farmaci per uso umano e veterinario. Il nostro portafoglio è ben diversificato e comprende farmaci e vaccini per uso sia umano che veterinario, biologici e basati sulle molecole di piccole dimensioni, prodotti nutrizionali e di largo consumo tra i più rinomati a livello mondiale. Ogni giorno i colleghi di Pfizer operano nei paesi industrializzati e in quelli emergenti per promuovere il benessere, la prevenzione, le terapie e le cure rivolte a contrastare le patologie più temute della nostra epoca. In qualità di azienda leader a livello mondiale nel settore biofarmaceutico, collaboriamo con le strutture sanitarie, i governi e le comunità locali per favorire e ampliare la fruizione di servizi sanitari efficienti e meno costosi in tutto il mondo. Per maggiori informazioni www.pfizer.com Ora Wyeth è a tutti gli effetti una consociata interamente controllata da Pfizer Inc. In alcuni paesi le fusioni tra le filiali di Wyeth e Pfizer potrebbero essere ancora in attesa di autorizzazione e restano subordinate all’adempimento degli obblighi di legge e regolamentari a livello nazionale. Ulteriori informazioni sono disponibili nel sito web www.pfizer.com. Per seguire le novità riguardanti Pfizer si prega di consultare il sito web www.Twitter.com/pfizer_news. Per scaricare nuove riprese video sull’azienda visitare il sito http://pfizer.mediaseed.tv/ 1 Per “reddito rettificato” e “utile rettificato diluito per azione” si intendono il reddito netto dichiarato di Pfizer Inc. e l’utile dichiarato diluito per azione spettante agli azionisti ordinari di Pfizer Inc., escluse le rettifiche contabili degli acquisti, i costi attinenti ad acquisizioni, le operazioni cessate e alcune altre voci significative. Come illustrato nel capitolo Adjusted Income (Reddito rettificato) della sezione intitolata “Disamina e analisi della Direzione in materia di situazione finanziaria e risultati di gestione” del Modulo 10-K compilato da Pfizer relativamente all’esercizio finanziario chiuso al 31 dicembre 2008, per stabilire gli obiettivi di performance dell’azienda e per misurarne i risultati complessivi la direzione si basa sul reddito rettificato e su altri fattori. A nostro avviso la pubblicazione dei risultati complessivi consentirà agli azionisti di comprendere meglio la performance dell’azienda. Il reddito rettificato e l’utile rettificato diluito per azione non sono, e non devono essere considerati, elementi sostitutivi dei criteri di misurazione del reddito netto e dell’utile per azione diluito previsti dai GAAP (Principi contabili generalmente accettati) statunitensi. AVVISO: Le informazioni contenute in questo comunicato stampa sono valide alla data del 16 ottobre 2009. La Società non si assume nessun obbligo di aggiornare alcuna delle dichiarazioni previsionali contenute in questo comunicato come risultato di nuove informazioni o di eventi o sviluppi futuri. Questo comunicato stampa contiene “dichiarazioni previsionali” in base alle norme del Private Securities Litigation Reform Act del 1995 degli Stati Uniti. Queste dichiarazioni si possono identificare dall’uso di parole come: “credere”, “prevedere”, ”aspettarsi”, ”intendere”, ”cercare”, “pianificare”, “progettare”, “scopo”, “previsione” e espressioni al futuro e/o al condizionale, e altre espressioni simili. Tali dichiarazioni includono, senza esserne limitate, affermazioni relative ai benefici dell’acquisizione di Wyeth, inclusi futuri risultati finanziari e operativi e risparmi di costo, i nostri programmi combinati, gli obiettivi, le aspettative e le intenzioni e altre dichiarazioni che non siano fatti storici. Queste dichiarazioni sono basate sulle attuali convinzioni o aspettative della direzione di Pfizer, e sono intrinsecamente soggette a rischi ed incertezze varie. I risultati effettivi potrebbero differire da quelli messi in evidenza dalle dichiarazioni previsionali. I seguenti fattori, fa gli altri, potrebbero far sì che i risultati effettivi differiscano da quelli messi in evidenza dalle dichiarazioni previsionali: la possibilità che le sinergie previste in seguito all’acquisizione di Pfizer e Wyeth non si realizzino, o non si realizzino nel periodo di tempo previsto, a causa, fra gli altri fattori, dell’impatto della legislazione e dei regolamenti in sospeso nel settore farmaceutico, che potrebbero influenzare il settore farmaceutico stesso; il rischio che le attività non si integrino con successo; i disturbi provenienti dalla fusione che potrebbero rendere difficile il mantenimento dei rapporti operativi e di lavoro; la capacità di Pfizer di prevedere accuratamente le condizioni future del mercato; la dipendenza dall’efficacia dei brevetti di Pfizer e di Wyeth, e di altre tutele per i prodotti innovativi; il successo delle attività di ricerca e sviluppo; le decisioni delle Autorità di regolamentazione relativamente alle eventuali approvazioni ed ai tempi delle domande di approvazione dei medicinali, oltre che le decisioni relative alle etichette e ad altre questioni che potrebbero influire sulla disponibilità e sulla commerciabilità potenziale dei nostri prodotti; la velocità secondo la quale le autorizzazioni normative, le approvazioni sulla prezzatura ed il lancio dei prodotti verranno raggiunte; il successo delle attività esterne di sviluppo del business; gli sviluppi competitivi, fra cui quelli dei medicinali concorrenti e dei candidati farmaci che trattano malattie e condizioni simili a quelle trattate dai nostri candidati farmaci e dai farmaci “in-line”; la capacità di commercializzare con successo sia i prodotti nuovi che quelli esistenti a livello nazionale ed internazionale; le difficoltà o i ritardi nella produzione; i comportamenti d’acquisto; la capacità di rispondere alla concorrenza generica e di marchio dopo la perdita della protezione di brevetto per i nostri prodotti e i prodotti dei concorrenti; l’impatto delle legislazioni attuali e future e delle clausole normative sulla esclusività dei prodotti; le tenenze verso il contenimento dei costi sanitari e dell’assistenza gestita; la legislazione o le azioni normative statunitensi, fra cui quelle che potrebbero derivare da proposte di riforme sanitarie in sospeso e possibili nel futuro, che influenzano, fra le altre cose, la prezzatura dei prodotti farmaceutici, il rimborso o l’accesso, inclusi quelli di programmi come Medicaid, Medicare ed altri programmi sanitari finanziati o sovvenzionati; l’importazione di medicinali di prescrizione da paesi esterni agli Stati Uniti, a prezzi che sono regolati dai governi dei vari paesi relativi; l’azione pubblicitaria e le interazioni dirette al consumatore dei professionisti sanitari, e l’uso di metodologie di comparazione dell’efficacia che potrebbero essere implementate secondo modalità che si rivolgono soprattutto alle differenze dei costi e che minimizzano le differenze terapeutiche fra i prodotti medicinali, e restringono l’accesso a medicine innovative; l’impatto del Medicare Prescription Drug, Improvement and Modernization Act del 2003; la legislazione o l’azione normativa al di fuori deli Stati Uniti che influenza i prezzi dei prodotti farmaceutici, il rimborso o l’accesso; le contingenze relative a contaminazioni effettive o presunte; le affermazioni e le problematiche che potrebbero sorgere relativamente alla sicurezza e all’efficacia dei farmaci candidati; dei guasti importanti, delle infiltrazioni o delle interruzioni dei nostri sistemi informatici e delle infrastrutture; i costi per la difesa legale, le spese assicurative, i costi di conciliazione ed il rischio per decisioni contrarie o conciliazioni relative alla responsabilità per danno da prodotto, la protezione tramite brevetto, le investigazioni governative, gli sforzi in corso per scoprire diversi strumenti di risoluzione di contenzioso sul rischio amianto, ed altri procedimenti giudiziari; la capacità della Società di proteggere i suoi brevetti e altre proprietà intellettuali sia nazionalmente che internazionalmente; le fluttuazioni del tasso di interesse e del tasso di cambio delle valute straniere; le leggi e i regolamenti governativi che hanno un’influenza sulle attività domestiche e straniere; le imposte dovute ed i cambiamenti relativi alla tassazione da parte degli USA sui redditi acquisiti al di fuori degli USA che potrebbero provenire da proposte in sospeso o da possibili proposte future; i cambiamenti negli USA relativamente alle norme di contabilità generalmente accettate; le incertezze relative alle condizioni economiche generali, politiche, di business, di settore, normative e di mercato che includono, ma non sono limitate a incertezze relative all’impatto sulle società, sui nostri finanziatori, sui nostri clienti, i nostri fornitori e le controparti dei nostri accordi sulle valute estere e i tassi d’interesse per la recessione globale e recente, e per i possibili cambiamenti futuri nei mercati finanziari globali; qualsiasi cambiamento nelle condizioni di lavoro, politiche ed economiche dovuto ad attività terroristiche, effettive o incombenti, negli USA e in altre parti del mondo, e le corrispettive azioni militari USA oltremare; la crescita dei costi e delle spese; i cambiamenti relativi ai prodotti, ai segmenti e alla miscela geografica; e l’impatto delle acquisizioni, delle dismissioni, delle ristrutturazioni, delle sospensioni dei prodotti e degli altri articoli insoliti, compresa la nostra capacità di ottenere i benefici previsti dalle nostre iniziative per la riduzione dei costi. Un’ulteriore lista e descrizione dei rischi, delle incertezze e di altre questioni può essere trovata nel Rapporto Annuale della Società sul Modulo 10-K per l’anno fiscale terminato il 31 dicembre 2008, e nei rapporti sui Moduli 10-Q e 8-K. Galleria Fotografica/Multimediale Disponibile: http://www.businesswire.com/cgi-bin/mmg.cgi?eid=6074470&lang=it

Pfizer IncAddetto stampa:Joan Campion, 212-733-2798oRapporti con gli investitori:Suzanne Harnett, 212-733-8009