G20 2019: il programma completo

28 Giugno 2019, di Mariangela Tessa

Apre i battenti oggi ad Osaka, in Giappone, l’edizione 2019 del G20. Dal commercio internazionale ai cambiamenti climatici, passando per digitalizzazione e la crisi tra Usa e Iran, sono questi alcuni dei numerosi temi che saranno affrontati nella due giorni di incontri dai leader dei venti paesi più industrializzati al mondo.

Il presidente Donald Tusk e il presidente della Commissione europea, Juncker, che rappresenteranno l’UE al vertice insieme hanno elaborato una lettera congiunta in cui mettono in rilievo gli obiettivi dell’UE per il vertice:

“L’UE condivide lo stesso obiettivo del Giappone: mantenere l’ordine internazionale basato sulle norme e le istituzioni multilaterali che lo sorreggono. Sostenendo la presidenza giapponese affronteremo le sfide decisive dei nostri tempi. Inviteremo i leader del G20 a intensificare le azioni per evitare la minaccia esistenziale posta dai cambiamenti climatici, impegnarsi a favore di un commercio mondiale libero ed equo, ridurre le disuguaglianze, sfruttare gli effetti della digitalizzazione e promuovere uno sviluppo sostenibile.

Secondo quanto riporta il sito Internet del Consiglio d’Europa, durante il G20,

“l’UE esorterà a difendere il multilateralismo e il commercio fondato su regole. Sarà l’occasione per allentare le tensioni commerciali e discutere della riforma dell’Organizzazione mondiale del commercio (OMC). L’UE si adopererà inoltre per ribadire il suo impegno a mantenere un ruolo di primo piano nella lotta ai cambiamenti climatici e ad attuare l’accordo di Parigi in vista della riunione della COP25 di dicembre”.

I leader discuteranno poi di questioni riguardanti, le disuguaglianze e l‘invecchiamento della società, l’emancipazione femminile, l’innovazione e l’economia digitale. Si parlerà inoltre di sviluppo sostenibile, in particolare dell’Agenda 2030 e degli obiettivi di sviluppo sostenibile.

Durante la presidenza del G20 il Giappone si concentrerà su una serie di priorità, tra cui: crescita economica e riduzione delle disuguaglianze, infrastrutture di qualità e salute, questioni globali come i cambiamenti climatici e i rifiuti di plastica negli oceani economia, digitale, sfide legate all’invecchiamento della società.