FMI: PER KOEHLER CORSA SENZA OSTACOLI

14 Marzo 2000, di Redazione Wall Street Italia

Ora che c’è anche il via libera di Bill Clinton, per Horst Koehler la strada che porta alla massima poltrona del Fondo monetario internazionale (Fmi) è ormai spianata. Non dovrebbero più esserci ostacoli per la successione a Michel Camdessus.

Dopo il colloquio telefonico con il capo della Casa Bianca, il Cancelliere tedesco Gerhard Schroeder, di cui Koehler è il candidato (con l’ok dell’Ecofin), ha tirato un sospiro di sollievo: il via libera di Washington, mette fine a un contrasto di quasi quattro mesi fra vecchio e nuovo continente.

Tradizione vuole che il direttore generale del Fondo sia un europeo, mentre un americano è al vertice della Banca mondiale. Gli Usa comunque avrebbero preferito al Fmi il nostro ministro del Tesoro Giuliano Amato.

Ora Koehler è atteso a Washington per incontrare gli altri membri del Consiglio esecutivo del Fondo monetario internazionale.