Ex Zecca dello Stato in vendita: i cinesi si ritirano

20 Giugno 2019, di Alessandra Caparello

Da hotel extra lusso con piscina e spa con vista su Villa Borghese a centro direzionale dell’Enel. Questo alla fine il destino dell’ex Zecca in piazza Verdi a Roma, il Poligrafico dello Stato messo in vendita da Cassa Depositi e Prestiti Immobiliare.

Trattative durate anni con i cinesi della catena alberghiera famosa in tutto il mondo, la Rosewood Hotels and Resorts International, controllata dalla World New China Land che volevano metterci mano. Ma poi i tempi troppo lunghi della burocrazia italiana hanno fatto perdere la pazienza ai cinesi di Rosewood che per accaparrarsi quell’imponente e storico edificio nel 2017 avevano messo sul piatto ben 250 milioni di euro.

Sul portale di Cdp Immobiliare il palazzo di proprietà della società Residenziale immobiliare 2004, che per il 75% è della società immobiliare di Cassa depositi e prestiti e per il 25% a Finprema del gruppo Fratini — resta in vendita.

L’immobile è ubicato a Piazza Verdi, nel quartiere residenziale Parioli-Pinciano tra i due grandi parchi pubblici di Villa Ada a Nord e di Villa Borgese a sud (…) Occupa un’area di 17 mila metri quadrati, costruito nel 1914 con l’obiettivo di ospitare la sede centrale delle Poste italiane, uno degli immobili più rappresentativi dell’architettura Liberty a Roma.

I cinesi si sono ritirati e il Poligrafico di piazza Verdi ora sarà sede di uffici, forse anche di Cdp, comunque di società dello Stato.  si riapre la questione sulla fine che farà il Poligrafico promesso ai cinesi. L’Enel ne dovrebbe occupare una parte, ma l’edificio è molto grande e tanto ne resta da assegnare.