Dopo il crollo di FTX, è corsa agli “sportelli” degli investitori in criptovalute

18 Novembre 2022, di Aleksandra Georgieva

Il crollo inaspettato dell’exchange di criptovalute FTX ha avuto un forte impatto negativo sull’intero mercato degli asset digitali. In una settimana, FTX è passato dall’essere uno dei più grandi scambi di criptovalute al fallimento.

La debacle di FTX si è diffusa, spingendo gli investitori in criptovalute a scaricare le valute digitali e ad abbandonare altre piattaforme crittografiche come per esempio Genesis e BlockFi, che hanno sospeso i prelievi temporaneamente. Alameda Research, un’affiliata di FTX con un buco di bilancio, aveva un ruolo importante nel “market making” (colui che garantisce la liquidità sui mercati) e la sua assenza sta peggiorando le oscillazioni dei prezzi, secondo la società di analisi Kaiko. Il fallimento di FTX segue una serie di fallimenti tra i prestatori di criptovalute iniziata a maggio, anch’essi innescati da rischi eccessivi e pratiche opache.

Sembra un atto d’accusa finale contro gli sforzi del mondo crypto di sfidare Wall Street con le proprie risposte a Goldman Sachs e J.P. Morgan. Eppure alcuni nella sfera crittografica vedono un lato positivo, credendo che la crisi rifocalizzerà l’ecosistema sul suo scopo originale di eliminare l’intermediario: il suo motto è “verifica, non fidarti.

La finanza decentralizzata, o DeFi, protocolli come MakerDAO (decentralized autonomous organization), Aave e Curve, offrono servizi come prestiti e trading attraverso pool di liquidità, dove nessuno funge da intermediario soggetto a corse agli sportelli. Gli smart contract sbloccano automaticamente le transazioni tra le parti una volta soddisfatte le condizioni. Nonostante l’implosione crittografica di quest’anno, questi protocolli hanno funzionato come previsto. 

Investitori crypto in fuga dopo il fallimento di FTX

Dopo l’annuncio del collasso di FTX, l’effetto domino sugli altri crypto exchange e sul prezzo delle criptovalute è stato inevitabile. Il Bitcoin rimane sotto i 17 mila dollari, mentre l’Ether rimane a quota 1.200 dollari. 

Al di là di BlockFi e Genesis, che hanno sospeso entrambi i prelievi, i clienti di Crypto.com hanno prelevato fondi dalla piattaforma durante il fine settimana dopo che l’amministratore delegato della società ha affermato che lo scambio di criptovalute ha gestito male una transazione di circa $ 400 milioni.

Il ceo di Crypto.com, Kris Marszalek, ha scritto su Twitter che il trasferimento è stato inviato al tipo di account sbagliato su un altro scambio. Il trasferimento di una grossa fetta di ether è avvenuto il 21 ottobre, ma è venuto alla luce dopo che gli utenti di Twitter hanno segnalato il trasferimento come insolito, sulla base dei record delle transazioni blockchain disponibili al pubblico.

Anche la piattaforma Gemini Earn, gestita dai gemelli, Tyler e Cameron Winklevoss, ha affermato che i rimborsi da parte dei clienti per il suo programma Earn sono stati ritardati dopo che il loro partner, Genesis Global, ha sospeso i prelievi sulla piattaforma di prestito a causa di una crisi di liquidità.

Ricordiamo che Genesis è uno dei principali creditori di Gemini Earn, un prodotto utilizzato per generare rendimenti per i propri clienti, secondo il sito web di Gemini Earn. Gemini sta lavorando con Genesis per consentire agli utenti di riscattare i fondi il più “rapidamente possibile”. Il ritardo non ha alcun impatto su altri prodotti e servizi Gemini, ha affermato la società con sede a New York in una nota.