CINA: TERZO OPERATORE DI TELEFONIA ALL’ESERCITO

15 Marzo 2000, di Redazione Wall Street Italia

Alcune tra le maggiori societa’ cinesi high tech si stanno alleando con l’Esercito di Liberazione Cinese con lop scopo di formare il terzo operatore telefonico del paese basato sulla tecnologia americana CDMA.

Qualora l’operazione venga approvata dalle autorita’ competenti – ancora scettiche – la nuova entita’, che prendera’ il nome di Century Mobile Communication Corp., creera’ grandi problemi alle due attuali societa’ leader del settore, China Mobile Communications Corp. e China United Telecommunications Corp. (China Unicom), che dopo le prime voci hanno gia’ registrato forti perdite in borsa.

Il mercato cinese nel settore della telofonia cellulare e’ in grandissima crescita con 45 milioni di utenti che dovrebbero raddoppiare entro la fine dell’anno.

L’esercito cinese, gia’ nel mercato con varie partecipazioni, verra’ appoggiato nell’operazione da Zhongguancun Technology Development Ltd. con 6 miliardi di dollari e da China Telecommunications Broadcasting Satellite Corp. (ChinaSat).

Il 24 febbraio scorso, il governo di Pechino aveva posto il veto sull’introduzione sul mercato cinese del sistema di comunicazione cellulare basato sulla tecnologia CDMA (Code Division Multiple Access) brevettato dalla Qualcomm (QCOM).

La decisione aveva colto impreparate molte societa’ che si preparavano a penetrare l’enorme mercato cinese con una rete di telefonia mobile nazionale.