BORSE UE, E’ IL MOMENTO DELL’ORSO

17 Maggio 2000, di Redazione Wall Street Italia

Per le Borse europee è ribasso pesante e generalizzato. Preoccupa un eventuale rialzo dei tassi europei. E preoccupa anche il sentimento che si avverte da oltre Atlantico, che è all’insegna del ripiegamento. Il Globex, future sullo Standard & Poor’s, segna infatti una perdita di quasi dieci punti. Si temono nuove mosse della Federal Reserve (Banca centrale Usa) nel mese di giugno.

Penalizzati in particolare i titoli telefonici. A Parigi (-1,20%), France Télécom che da sola capitalizza il 13% dell’intero indice Cac-40, perde il 3,60%. Il ribasso sarebbe dettato dall’incertezza che regna in Francia attorno all’assegnazione delle licenze Umts.

Ancora più pesante, oltre il 4%, la perdita del titolo Deutsche Telekom alla Borsa di Francoforte, che cede l’1,60%.

In netta flessione, e siamo a Madrid (-1,60% per l’indice Ibex), anche per Terra Networks dopo l’annuncio dell’acquisizione della statunitense Lycos.

Londra è la Piazza che perde di più, l’1,91%. Cedono anche Zurigo, -0,54%, Bruxelles, -0,38%, Stoccolma, -0,25%, Amsterdam, -1,29%.