Blue Chips Europa: Analisi del 8 febbraio ’05

8 Febbraio 2005, di Redazione Wall Street Italia

EURO STOXX 50

Seduta moderatamente positiva per il DJ EuroStoxx 50, che chiude sui massimi a 3052 (+ 0,49 %). L’indice rimane stabilmente inserito all’interno del movimento rialzista dominante in essere dal marzo 2003, proseguendo nel rally iniziato lo scorso agosto. Il superamento di 3000 propone quota 3100, dove sono attesi ordini in vendita (per il 2005 possibile obiettivo la resistenza chiave in area 3200/400). Le pressioni al rialzo si attenuerebbero sotto 3000, ma maggiore debolezza si avrebbe solo al di sotto di 2975, con possibili discese a testare il supporto critico a 2915, dove dovrebbero comunque esserci ordini in acquisto. Un segnale più negativo per le prossime settimane negativo si avrebbe soltanto con la rottura del supporto in area 2840/60 (poco probabile), con obiettivo il supporto critico in area 2790-2810, dove sono comunque attesi forti acquisti. Mantenere le posizioni, incrementando su correzioni in area 2970/80.

QUESTA SETTIMANA PARLIAMO DI:

Indici: CAC 40; DAX 30

Titoli:
Deutsche Telecom Deutsche Bank
Vivendi Axa
Siemens Suez Lyonnaise des Eaux
Sanofi Danone
Nokia L’Oreal
Bayer Total Fina
Basf Daimler-Chrysler

Analisi a cura di Romano De Bortoli

CAC 40

L’indice francese (PC 3973) da gennaio scorso ha effettuato un movimento laterale all’interno di una banda di ampiezza pari a circa il 9%, delimitata dal supporto statico a 3490/3500 e dalla resistenza a 3830/50, con livello intermedio rilevante a 3630/50. Recentemente le quotazioni hanno superato quota 3850, innescando una salita verso 4000 (max. 3985).

Per le prossime sedute, appare probabile un movimento di consolidamento al di sotto di 4000, con area di supporto 3870-3930. Il superamento della resistenza statica a 4000, consentirebbe poi un’accelerazione nella salita con spazi di apprezzamento verso 4300 e quindi 4400-4500.
Le spinte rialziste per le prossime settimane diminuirebbero al di sotto di 3830, poco probabile, favorendo una discesa verso 3750 e quindi 3680/3700.
Un segnale di debolezza per le prossime settimane si avrebbe solo al di sotto di 3680, improbabile al momento, con obiettivi 3600 e quindi 3550.

Le posizioni lunghe aperte in area 3750/770, si possono mantenere con s/l 3860.

Analisi a cura di: Romano De Bortoli e Giorgio Sogliani

DAX 30

Come l’indice francese, anche quello tedesco (PC 4365) da gennaio scorso ha effettuato un movimento laterale all’interno di una banda di ampiezza pari a circa il 13%, delimitata dal supporto statico a 3690/3700 e dalla resistenza a 4180/200, con livelli intermedi rilevanti a 3840 e 4000. A metà dicembre scorso le quotazioni sono fuoriuscite da tale movimento, fornendo un segnale molto positivo per i prossimi mesi.

La recente salita, preceduta dal test del supporto statico a 4200, sta rapidamente portando le quotazioni in prossimità di quota 4500 (max. 4377). Eventuali correzione per le prossime sedute non dovrebbero portare l’indice al di sotto di 4250/4300, pena una diminuzione delle spinte rialziste.
Per prossime settimane/mesi la salita dovrebbe continuare con obiettivi 4500 e quindi 4900/5100, dove dovrebbero diminuire le spinte a rialzo.
Il segnale positivo verrebbe negato dalla poco probabile violazione di 4100/4160, riproponendo una fase di consolidamento fra 3950/4000 e 4150/4200.

Le posizioni lunghe aperte in area 4270-4300 possono essere mantenute, con s/l 4230.

Analisi a cura di: Romano De Bortoli e Giorgio Sogliani

Analisi a cura di:
Romano De Bortoli e Giorgio Sogliani

Deutsche Telekom (PC 16.58)
Da metà agosto il titolo ha avviato un movimento rialzista che ha portato le quotazioni a testare 16.80/17.00, dove sono scattate le prese di beneficio, avviando una fase laterale fra 16.00 e 16.80/17.00.
Attualmente le quotazioni stazionano appena al di sotto di 16.80/17.00, il cui probabile superamento, aprirebbe spazi di apprezzamento verso 18.00.
Eventuali estensioni per le prossime settimane difficilmente dovrebbero andare oltre 20.00.
Le spinte rialziste diminuirebbero con la violazione di 16.20, favorendo una discesa verso 14.80/15.00, livello intermedio 15.40.

Vivendi (PC 24.61)
Il titolo si è mosso in una banda laterale delimitata dal supporto chiave a 19.00 e dall’area di resistenza a 23.50/24.00, con livelli intermedi rilevanti a 20.50 e 22.00 da inizio 2004.
Il superamento di 24.00, avvenuto a inizio anno, ha fornito un segnale positivo per i prossimi mesi aprendo la strada a salite con obiettivi 26.00, quindi 28.00/29.00.
Le spinte rialziste diminuirebbero al di sotto di 23.50, favorendo una discesa verso 22.00/30. Il tono peggiorerebbe al di sotto di 22.00, al momento poco probabile, riproponendo il movimento laterale sopra indicato.

Siemens (PC 60.20)
Negli ultimi mesi il titolo sta effettuando un ampio movimento laterale compreso fra 57.50 e 62.00/64.00.
Recentemente il titolo, dopo aver testato quota 64.00 (max. 63.60), ha ripiegato verso 59.50, dove sono tornati gli acquisti.
Per le prossime settimane appare possibile un movimento sostanzialmente laterale fra 59.00 e 62.00/63.00.
Debolezza sotto 59.00, con discesa a 57.50.

Sanofi (PC 57.95)
Il titolo si muove da marzo 2003 all’interno di un canale rialzista di ampiezza pari a circa il 20%.
Negli ultimi mesi il titolo sta effettuando un movimento di consolidamento fra il supporto statico a 56.00 e la resistenza a 60.00, con una perforazione marginale di 56.00 (min. 54.50) a fine ottobre.
Recentemente le quotazioni hanno testato quota 56.00 ed hanno fornito segnali di un possibile rimbalzo.
Per le prossime settimane un segnale rialzista si avrebbe con il superamento di 60.00, consentendo uno spunto rialzista verso 64.00 e quindi 65.00/50.
Viceversa la violazione di 56.00 determinerebbe una discesa verso 52.00-53.00, dove dovrebbe avviarsi un tentativo di consolidamento.

Nokia (PC 12.18)
Fra luglio e inizio settembre scorso, il titolo ha costruito una base fra 9.00 e 10.10, che ha consentito una salita fino a raggiungere l’obiettivo indicato in area 13.00/50 (max. 12.99) a metà dicembre scorso.
La discesa delle ultime settimane ha riportato il titolo in prossimità di 10.50/60, dove sono tornati con forza gli acquisti consentendo il test di 12.30 (max. 12.29).
La rottura di 12.30 consentirebbe una salita a testare 13.00, il cui probabile superamento, consentirebbe la ripresa del movimento rialzista dominante aprendo spazi di salita verso 14.00, 14.70/15.00 ed estensioni per i prossimi mesi difficilmente al di sopra di 15.70/16.00.
Lo scenario rialzista si allontanerebbe al di sotto di 11.90, favorendo una correzione verso 11.30/50. Il tono peggiorerebbe solo al di sotto di 10.90/11.00.

Bayer (PC 25.45)
L’operazione di capitale avvenuta il 31 gennaio ’05, con lo scorporo di parte delle attività della società ha determinato uno spostamento verso il basso delle quotazioni di circa 4,50 %.
Il titolo staziona a cavallo dell’area di resistenza 25.00/50 (max. 25.54).
Per le prossime settimane il tono permane rialzista e pare probabile la continuazione della salita verso 28.00 e quindi 30.00.
Eventuali correzioni per le prossime sedute non dovrebbero portare le quotazioni al di sotto di 24.50, pena una diminuzione delle spinte rialziste sul titolo. Il tono peggiorerebbe solo al di sotto di 23.50, al momento poco probabile, aprendo la strada ad una discesa 22.00/50, dove dovrebbero tornare gli acquisti.

Basf (PC 54.39)
Il titolo si muove da metà 2003 all’interno di un canale rialzista di ampiezza pari a circa il 20%. La fase di consolidamento creatasi nelle ultime settimane fra 51.00 e 54.00 ha consentito la ripresa della salita verso 55.00 (max. 54.48).
Per le prossime sedute eventuali correzioni tecniche trovano una buona area di supporto fra 52.50 e 53.00. La salita dovrebbe continuare per le prossime settimane con obiettivo 55.00 e quindi 60.00.

Deutsche Bank (PC 68.32)
Negli ultimi mesi si è verificato un movimento di congestione fra 57.00 e 61.00/62.00. Il superamento di quota 62.00 ha poi segnalato un ritorno di forza del titolo che, nelle ultime settimane, ha raggiunto l’obiettivo indicato a 70.00 (max. 69.35).
Per le prossime sedute, finché le quotazioni si mantengono al di sopra di 67.00/50 il tono permane positivo e, al di sopra di 70.00, la salita dovrebbe continuare verso 73.00 e quindi 75.00.
Le spinte rialziste diminuirebbero sensibilmente solo al di sotto di 65.00, livello in prossimità del quale transita la trendline del canale rialzista in essere da metà agosto scorso, con probabile discesa a 62.00.

Axa (PC 18.96)
Le quotazioni sono inserite da fine settembre 2004 all’interno di un canale rialzista. Il movimento a rialzo ha come obiettivi 19.00 e 20.00.
Il titolo ha un primo supporto critico a 17.90. L’eventuale violazione di 17.50, poco probabile al momento, fornirebbe un segnale di debolezza proponendo il test di 16.90.

Suez Lyonnaise des Eaux (PC 21.23)
Il titolo ha effettuato un prolungato movimento di congestione fra 15.00 e 18.50 (21 % circa di ampiezza), durato da inizio gennaio a novembre 2004. Il successivo superamento della forte resistenza a 18.50 ha condotto le quotazioni al test di 20.00 e quindi al test di 22.50 (max. 21.90), fornendo un segnale positivo per i prossimi mesi.
Per le prossime settimane il quadro è laterale, con le quotazioni che dovrebbero stazionare nell’intervallo compreso 18.50 e 22.50, con 20.50 come livello spartiacque.
Sopra 22.50, al momento prematuro, obiettivo della salita 25.00/26.00.

Danone (PC 70.70)
Tra giugno e settembre 2004 si è verificata una brusca discesa delle quotazioni, passate da quota 73.00 a quota 63.00, dopodiché abbiamo potuto notare un progressivo ritorno di denaro sul titolo.
Per le prossime settimane, appare possibile una fase di consolidamento fra 69.00/50 e 73.00, prima di riprendere la salita verso 75.00, quindi 77.00.
Il quadro tecnico si indebolirebbe sotto 68.00, ma tornerebbe a deteriorarsi solo al di sotto del supporto chiave a 65.00, poco probabile al momento.

L’Oréal (PC 58.10)
Le pesanti vendite di luglio e agosto hanno riportato il titolo a testare più volte il supporto a 52.00, dove si è avviato un consolidamento e quindi un rally che ha riportato le quotazioni in prossimità di 58.00.
Stiamo assistendo da settimane a un progressivo miglioramento del quadro tecnico e, con il superamento di 58.00, si avvierebbe un impulso rialzista con obiettivi 60.00/61.00 e possibili estensioni a 63.00.
Lo scenario rialzista si allontanerebbe al di sotto di 56.00, ma un nuovo segnale di debolezza si avrebbe al di sotto di 53.70, poco probabile.

Total Fina (PC 168.80)
Negli ultimi mesi il titolo ha effettuato un movimento laterale compreso fra 157.00 e 163.00, di ampiezza pari a circa il 4%.
Il recente superamento di quota 163.00 ha consentito uno spunto rialzista che ha raggiunto 170.00 (max. 171.10).
Per le prossime settimane appare probabile una fase di consolidamento fra 164.00 e 170.00/172.00.
Le spinte rialziste diminuirebbero al di sotto di 164.00, ma un segnale negativo si avrebbe con la violazione del supporto a 157.00, improbabile al momento, riconducendo il titolo verso il supporto critico a 154.00/155.00.

Daimler-Chrysler (PC 36.15)
Da inizio anno stiamo assistendo a un ampio movimento laterale (19% circa) compreso fra 32.50 e 39.50, con livello mediano a 35.50.
Per le prossime sedute rimane probabile la continuazione dello spunto rialzista con obiettivi individuabili a 36.50 e quindi 37.50/38.00.
Le spinte rialziste diminuirebbero al di sotto di 34.50/35.00, ma un segnale negativo si avrebbe con la poco probabile violazione di 33.00.

ANALISI DI RELATIVE PERFORMANCE SETTORIALE DJ EURO STOXX
Orizzonte: