Arcadia Biosciences concede licenza tecnologica all’African Agricultural Technology Foundation

25 Aprile 2008, di Redazione Wall Street Italia

Arcadia Biosciences, Inc., una società di tecnologie agricole impegnata nello sviluppo di prodotti in grado di favorire l’ambiente e la salute dell’uomo, e l’African Agricultural Technology Foundation (AATF), un’organizzazione senza scopo di lucro che si dedica all’introduzione e alla diffusione di nuove tecnologie agricole destinate ai piccoli coltivatori africani, hanno sottoscritto un accordo di licenza per l’uso delle tecnologie di Arcadia finalizzato alla produzione di varietà di riso di cui i piccoli coltivatori africani usufruiranno gratuitamente. Ai sensi del suddetto accordo, AATF ottiene una licenza d’uso delle tecnologie di Efficienza d’uso dell’azoto (NUE, Nitrogen Use Efficiency) e di Tolleranza al sale sviluppate da Arcadia applicabili alla produzione di riso africano. In virtù del suo impegno dichiarato a migliorare l’agricoltura e l’ambiente nei paesi in via di sviluppo, Arcadia non percepirà alcun compenso monetario per la ricerca e i diritti commerciali concessi dall’accordo. Inoltre, Arcadia porterà a termine l’attività di ricerca e sviluppo allo stadio iniziale relativa al progetto e metterà a disposizione dei ricercatori locali varietà di riso migliorate per la realizzazione di prove sul campo. In Africa, il riso è una delle più importanti e più diffuse fonti di sostentamento. Il consumo di riso nell’Africa occidentale fa registrare ogni anno un aumento del 10% a fronte di una crescita della produzione pari al 4% circa. Il consumo di riso in tutto il continente africano fa segnare un incremento annuo del 6% con un conseguente ammanco annuo di 6,5 milioni di tonnellate metriche compensato da importazioni del valore di circa 1,7 miliardi di dollari. Secondo i dati raccolti dall’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Alimentazione e l’Agricoltura (FAO), nell’Africa subsahariana la produzione annua di riso si aggira tra i 12 e i 17 milioni di tonnellate metriche, la cui coltivazione e consumo si devono, in gran parte, a piccoli coltivatori Il problema in Africa non è circoscritto alla forte richiesta e allo scarso rendimento economico del riso. Gran parte dei terreni presentano ridotti livelli insiti di fertilità conseguente al lungo sfruttamento nel tempo non compensato da un adeguato apporto di sostanze nutritive. Secondo un rapporto presentato all’African Fertilizer Summit 2006, in molte zone del continente le prassi di uso e gestione della terra, congiuntamente all’assenza di input nutritivi, hanno determinato un calo della produttività e, di contro, un aumento dell’erosione e della salinizzazione. L’accordo tra Arcadia e AATF è finalizzato all’aumento della produttività del riso, della redditività per gli agricoltori locali e della sostenibilità. Una volta dimostrate le potenzialità di alto rendimento del riso NUE con il 50% in meno di concimi azotati rispetto al riso convenzionale e la capacità del riso tollerante al sale di ridurre la richiesta di scorte di acqua dolce di difficile reperimento, il riso africano NUE e tollerante al sale potrà esercitare un fondamentale impatto positivo sulla coltivazione del riso africano, la sicurezza alimentare e la salute dell’uomo. “Storicamente, questioni legate ai costi di sviluppo e ai diritti di proprietà intellettuali hanno impedito agli agricoltori africani di disporre di nuove tecnologie agricole. La collaborazione tra Arcadia e AATF intende dirimere entrambe le problematiche” ha dichiarato Eric Rey, Presidente e CEO di Arcadia. “Il rendimento del raccolto dipende dalla concimazione azotata, ma la capacità di assorbimento dell’azoto delle piante è di solito inefficiente. Ecco perché gli agricoltori dei paesi altamente sviluppati utilizzano più azoto di quanto in realtà le piante sono in grado di assorbire. In Africa, il prezzo dei concimi azotati è ancora molto elevato a causa dei costi delle importazioni e della catena dell’offerta. Per questo motivo, per molti coltivatori africani la quantità di concimi azotati richiesti per aumentare in modo significativo la produzione è proibitiva in termini di costo. Analogamente, l’acqua dolce è un bene prezioso e difficile da reperire e l’irrigazione con acqua salmastra potrebbe migliorare la produttività, ridurre i costi di irrigazione e aumentare la disponibilità di acqua dolce destinata al consumo umano. Siamo convinti che il riso africano NUE e tollerante al sale offrirà ai piccoli coltivatori africani considerevoli vantaggi economici riducendo i costi totali degli input e aumentando gli utili. Il tutto senza accrescere l’impronta ambientale della produzione del riso.” “Le collaborazioni strategiche tra organizzazioni pubbliche e private si rivelano fondamentali per avviare il processo di introduzione, adattamento e diffusione di tecnologie in grado di accrescere la produttività di sistemi di coltivazione” ha affermato Mpoko Bokanga, Direttore esecutivo AATF. ”La licenza concessa da Arcadia rappresenta un’opportunità per i piccoli coltivatori di accedere a tecnologie che solleciteranno la scarsa produttività del riso caratterizzata da bassi livelli di azoto e da una forte salinità del terreno. L’AATF condividerà tali tecnologie con istituti di ricerca e moltiplicatori di semi in Africa per garantire che tali tecnologie possano favorire i coltivatori” ha aggiunto. Una volta conclusa la trasformazione del riso africano NUE e tollerante al sale, l’AATF avvierà una collaborazione con i suoi partner di sviluppo regionali per produrre varietà di riso che si rivelino più efficaci per le condizioni ambientali locali e, quindi, distribuirle ai coltivatori locali. Secondo le previsioni di Arcadia e AATF, il riso africano NUE e tollerante al sale sarà disponibile entro il 2016. Informazioni su Arcadia Biosciences, Inc. Con sede a Davis, California, e strutture aggiuntive a Seattle, Washington e Phoenix, Arizona, Arcadia Biosciences è una società di biotecnologie agricole impegnata nello sviluppo di prodotti agricoli in grado di migliorare l’ambiente e la salute dell’uomo. Per ulteriori informazioni, visitare il sito web all’indirizzo www.arcadiabio.com. L’African Agricultural Technology Foundation (AATF) è un’organizzazione benefica impegnata a favorire e promuovere collaborazioni pubbliche/private per l’introduzione e la diffusione di adeguate tecnologie esclusive potenzialmente in grado di incrementare la produttività dei piccoli agricoltori dell’Africa subsahariana. (www.aatf-africa.org). Il testo originale del presente annuncio, redatto nella lingua di partenza, è la versione ufficiale che fa fede. Le traduzioni sono offerte unicamente per comodità del lettore e devono rinviare al testo in lingua originale, che è l’unico giuridicamente valido.

Nancy Muchiri – [email protected]+254-20-4223700 o +254-735992206oppureJeff Bergau – Arcadia [email protected]+1-312-217-0419