WALL STREET TEME SORPRESE DALLA FED

11 Maggio 2001, di Redazione Wall Street Italia

E’ la volatilita’ la protagonista di questo inizio seduta dei mercati intrisi di una pesante incertezza dopo gli inaspettati dati delle vendite al dettaglio e il leggero incremento dei prezzi alla produzione.

Verificare aggiornamento indici IN TEMPO REALE in prima pagina

Secondo alcuni analisti, infatti, quest’ultima, sommata a un seppur modesto aumento dei prezzi alla produzione, potrebbe infatti fermare la mano della Federal Reserve sui rubinetti della politica monetaria.

A preoccupare sarebbe anche un rischio di una incombente stagflazione, ossia una bassa crescita con un aumento inflattivo.

“Io credo che gli investitori siano preoccupati che la Fed possa non tagliare piu’ i tassi o che che li abbassi meno delle aspettative”, ha spiegato Barry Berman di Robert W.Baird & Co.

“I dati appena diffusi sono in contraddizione – conclude Berman – e cio’ spiegherebbe il saliscendi dei mercati di questa mattina”.

Tra i titoli in movimento oggi a Wall Street:

Nel settore farmaceutico

Schering-Plough (SGP – Nyse) guadagna oltre il 6% su voci che Merck (MRK – Nyse) starebbe per comprarla. Merck cede l’1,5%

Nel settore infrastrutture di rete

Juniper Networks (JNPR – Nasdaq)
conquista l’1,25% dopo un presentazione che ha rincuorato gli analisti.

Nel settore infrastrutture per le tlc

Nortel Networks (NT – Nyse)
perde il 2% dopo aver detto che uscirà dal settore digitale di traffico a banda larga su linee di rame per spostarsi su comparti con margini di crescita più alti.

Nel settore assicurazioni

American General Corp. (AGC – Nyse) sale dello 0,75% dopo un’offerta d’acquisto di $23 miliardi da parte di American International Group Inc (AIG – Nyse). AIG cede oltre lo 0,5%.

Nel settore informatico

International Business Machines (IBM – Nyse) e’ oggi in calo dopo aver ricevuto da Andrew Neff di Bear Stearns una riduzione del rating da “Buy” ad “Attractive”. Alto il volume di scambi sul titolo. Nelle contrattazioni sta perdendo oltre l’1%.
(Vedi Borsa: IBM in calo dopo riduzione del rating )