Società

WALL STREET: DOW SU, NASDAQ CHIUDE IN CALO

Questa notizia è stata scritta più di un anno fa old news

Le borse USA archiviano la seduta con gli indici contrastati. Il Dow Jones chiude in positivo. Il Nasdaq non e’ riuscito a risollevarsi e termina in rosso sulla scia dei ribassi del comparto semiconduttori.

Il Nasdaq ha chiuso a 2.027,78 (-0,32%)
Il Dow Jones a 10.458,74 (+0,55%)
L’S&P 500 a 1.204,40 (+0,33%)

Il mercato in mattinata e’ stato attraversato da voci riguardanti un possibile prepensionamento di Alan Greenspan, governatore della Federal Reserve, la banca centrale americana. I rumors sono stati poi categoricamente smentiti da un portavoce della Fed interpellato da Wall Street Italia.
VEDI:
SPECIALE: GREENSPAN NON CERCA IL PREPENSIONAMENTO
Vedere anche sezione RUMORS che trovate sul menu in cima alla pagina.

Sotto i riflettori sono finiti i titoli del settore chip dopo i commenti della banca d’affari Credit Suisse First Boston, che in mattinata ha ridotto le proprie valutazioni dicendo alla propria clientela che i giudizi di molti titoli del comparto sono del 20%-30% superiori al valore reale.
SULL’ARGOMENTO VEDI:
CHIP: PER CSFB IL SETTORE E’ SOPRAVVALUTATO

Il mercato attende i risultati di Cisco Systems (CSCO – Nasdaq), che saranno annunciati dopo la chiusura dei mercati.

“Se Cisco ridurra’ le proprie previsioni, sara’ un colpo per gli investitori, che sperano in una ripresa – ha dichiarato Robert Streed di Northern Trust Corp, aggiungendo che il mercato – sta aspettando di conoscere chi sara’ il nuovo leader in termini di crescita negli utili”.

“Il relativo miglioramento del mercato indica che una mossa rialzista e’ probabile. Credo che il mercato si riprendera’ presto specialmente ora che pochi se lo aspettano”, ha affermato Robert Dickey, technical strategist presso Dain Rauscher.

Buone le notizie dal fronte macroeconomico, la produttivita’ negli Stati Uniti nel secondo trimestre si e’ attestata a +2,5%.

Il rialzo e’ risultato superiore alle attese del mercato. Un sondaggio condotto dall’agenzia di stampa Dow Jones insieme alla rete televisiva CNBC tra gli economisti di Wall Street aveva previsto in media un aumento dell’1,5% per il secondo trimestre.
SULL’ARGOMENTO VEDI:
USA: PRODUTTIVITA’ +2,5% SECONDO TRIMESTRE

“I dati economici cominciano a dare segni di miglioramento, ma fino a che questo non avra’ un effetto nei bilanci aziendali, il mercato probabilmente restera’ indifferente”, e’ il commento di Richard Nash, chief investment strategist di Key Asset Management.

Sui listini in generale, hanno mostrato una tendenza al rialzo i settori bancario, tabacco, bevande alcoliche.

In ribasso, invece, i settori chip, trasporto aereo, edilizio, ristorazione.

VEDI QUALI SONO I TITOLI DI RILIEVO CHE HANNO MOVIMENTATO IL MERCATO:
WALL STREET: I TITOLI CHIAVE DEL 7 AGOSTO