“Sindacati e imprese frenano lo sviluppo”

28 Marzo 2014, di Redazione Wall Street Italia

ROMA (WSI) – Lacci e lacciuoli, comprese le rigidità di sindacati e imprese, sono un forte ostacolo allo sviluppo dell’Italia. Lo ha sottolineato il governatore della Banca d’Italia, Ignazio Visco, in occasione della sua relazione alla Luiss per la celebrazione del centenario della nascita di Guido Carli.

Per Visco “lacci e lacciuoli, intesi come rigidità legislative burocratiche, corporative, imprenditoriali, sindacali, sono sempre la remora principale allo sviluppo del nostro paese”.

“I segni di risveglio che vediamo sono incoraggianti”, ha aggiunto “ma vanno confermati nei mesi e negli anni futuri: la costanza nell`azione riformatrice è essenziale”.

(TMNews)