Lavoro, il governo Meloni apre alla settimana lavorativa da 4 giorni

di Luca Losito
Pubblicato 1 Marzo 2023 • Aggiornato 3 Marzo 2023 10:49

La proposta della settimana lavorativa da 4 giorni potrebbe prendere piede anche in Italia. In particolare il governo Meloni, attraverso il ministro delle Imprese e del Made in Italy, Adolfo Urso, sembra pronto ad aprire alla proposta della Cgil sulla settimana corta. L’idea lanciata dal segretario della Cgil, Maurizio Landini, prevede una settimana lavorativa di quattro giorni, con meno ore di lavoro ma senza una riduzione dello stipendio. La sperimentazione di questo modello nel Regno Unito ha ottenuto successo e la sua applicazione in Italia potrebbe essere una soluzione per aumentare la produttività e il benessere dei dipendenti.

In Italia sono ancora poche le aziende che hanno provato a mettere in pratica questo sistema, ma il governo sembra intenzionato a valutare questa ipotesi, cercando di coinvolgere sia le imprese che i sindacati. Il ministro Urso, in un’intervista a “La Stampa”, si dice disponibile a riflettere sulla proposta della Cgil, partendo dalle condizioni del paese e valutando gli eventuali punti di forza e di debolezza.

La proposta della Cgil, che sarà presentata a metà marzo durante il congresso del sindacato, mira a ridistribuire la ricchezza e a ridurre i tempi di lavoro, soprattutto in un’epoca in cui la rivoluzione tecnologica sta portando ad un aumento di produttività e di profitti. L’obiettivo è quello di aumentare l’occupazione e la produttività, ma bisogna fare attenzione a non incentivare l’emigrazione interna verso le grandi fabbriche del Nord, che potrebbero trarre maggiori benefici dalla settimana corta.

L’applicazione della settimana lavorativa di quattro giorni con lo stesso stipendio potrebbe quindi essere una soluzione per migliorare la qualità della vita dei lavoratori e aumentare la produttività delle aziende. Tuttavia, bisogna valutare attentamente le condizioni del paese e coinvolgere tutte le parti interessate per arrivare ad una decisione condivisa. Il governo Meloni sembra essere aperto a questa proposta e si spera che possa essere una soluzione vincente per tutti.