07:06 venerdì 12 Aprile 2024

UniCredit, la Bce dà l’ok a parte restante piano buyback da 3,1 miliardi

UniCredit, la banca italiana guidata dal ceo Andrea Orcel, ha annunciato nella serata di ieri di aver ricevuto l’autorizzazione della Bce per l’esecuzione della parte restante del programma di riacquisto di azioni proprie 2023 per un massimo di 3.085 milioni di euro.

L’approvazione si è basata sulle informazioni finanziarie, fornite dalla Società, che
hanno dimostrato la solidità del capitale e la resilienza del modello in scenari di stress.

La prima tranche del programma di riacquisto di azioni proprie per il 2023, per un
importo di 2.500 milioni di euro, si è conclusa il 7 marzo 2024.

Insieme al dividendo proposto, ha reso noto UniCredit nel comunicato con cui ha annunciato l’ok della Bce, “questo porta a una distribuzione totale per il 2023 di
8,6 miliardi di euro: un aumento di circa 3,35 miliardi di euro rispetto al 2022”.

“Proforma per questa distribuzione il CET1 ratio di UniCredit è pari al 15,9% a fine 2023”.

“Questo dato – ha sottolineato Piazza Gae Aulenti – sottolinea l’impegno di UniCredit a conseguire rendimenti per gli azionisti attraenti e sostenibili, mantenendo al contempo una forte dotazione di capitale, e conferma la fiducia della società nella possibilità di conseguire rendimenti interessanti per gli azionisti e di creare valore a lungo termine”.

L’avvio del programma di riacquisto di azioni proprie, così come il dividendo per un
massimo di 3.015 milioni di euro, ha precisato ancora la banca gestita da Andrea Orcel, dipendono dall’approvazione da parte degli azionisti della Società in occasione dell’Assemblea convocata per il 12 aprile 2024.

“A causa delle restrizioni del periodo di black-out, il riacquisto di azioni inizierà il prima possibile dopo i risultati finanziari del primo trimestre 2024, che saranno resi noti il 7 maggio 2024, previa l’approvazione degli azionisti e a seconda delle condizioni di mercato”.

Breaking news

17:39
Piazza Affari chiude a -0,6%, Saipem sugli scudi (+4%)

Finale negativo a Piazza Affari, con Saipem in controtendenza. A Wall Street focus sulla Fed in attesa delle minute e dei conti di Nvidia

16:29
Wall Street, apertura cauta: S&P -0,15%

Apertura poco mossa dei mercati a Wall Street in attesa della trimestrale di Nvidia e dei verbali della Federal Reserve.

15:30
Nintendo acquisisce lo sviluppatore di videogiochi Shiver Entertainment

Il colosso giapponese dei videogiochi Nintendo ha annunciato l’acquisto dello sviluppatore americano Shiver Entertainment da Embracer Group, con impatto minimo sui risultati finanziari dell’anno fiscale in corso.

15:29
Petrolio, prezzi in calo: Brent a -1,42%, WTI scende dell’1,59%

I futures sugli indici petroliferi registrano un calo a causa delle previsioni di tassi di interesse più elevati negli Stati Uniti per un periodo prolungato, influenzati dall’inflazione persistente. Il Brent e il WTI hanno visto una diminuzione, mentre la Federal Reserve attende segnali più chiari di un rallentamento dell’inflazione prima di considerare riduzioni dei tassi.

Leggi tutti