14:37 mercoledì 10 Aprile 2024

UniCredit e l’Anfir insieme per facilitare l’accesso al credito

Una nuova partnership è stata annunciata tra UniCredit e l’Associazione nazionale delle finanziarie regionali (Anfir), con l’obiettivo di promuovere lo sviluppo economico e sostenere le imprese italiane.

L’accordo mira a facilitare l’accesso al credito e al mercato dei capitali per le aziende, oltre a collaborare nell’analisi e nello sviluppo di progetti e prodotti finanziari che rispondano agli obiettivi di interesse pubblico stabiliti dalle amministrazioni regionali.

Remo Taricani, vice responsabile di UniCredit per l’Italia, ha espresso il suo entusiasmo per l’iniziativa, sottolineando il ruolo cruciale che UniCredit gioca nel supporto alle piccole e medie imprese italiane. “UniCredit ha una presenza capillare sul territorio nazionale e supporta le piccole e medie imprese italiane nella realizzazione degli investimenti e nel loro percorso di crescita”, ha dichiarato: “Grazie a questo accordo, agli strumenti messi a disposizione dalle finanziarie regionali e ai progetti e prodotti che svilupperemo congiuntamente, potenzieremo il supporto al sistema produttivo, contribuendo altresì ad una maggiore coesione economica, sociale e territoriale”.

Breaking news

21/05 · 17:39
Piazza Affari chiude a -0,6%, Saipem sugli scudi (+4%)

Finale negativo a Piazza Affari, con Saipem in controtendenza. A Wall Street focus sulla Fed in attesa delle minute e dei conti di Nvidia

21/05 · 16:29
Wall Street, apertura cauta: S&P -0,15%

Apertura poco mossa dei mercati a Wall Street in attesa della trimestrale di Nvidia e dei verbali della Federal Reserve.

21/05 · 15:30
Nintendo acquisisce lo sviluppatore di videogiochi Shiver Entertainment

Il colosso giapponese dei videogiochi Nintendo ha annunciato l’acquisto dello sviluppatore americano Shiver Entertainment da Embracer Group, con impatto minimo sui risultati finanziari dell’anno fiscale in corso.

21/05 · 15:29
Petrolio, prezzi in calo: Brent a -1,42%, WTI scende dell’1,59%

I futures sugli indici petroliferi registrano un calo a causa delle previsioni di tassi di interesse più elevati negli Stati Uniti per un periodo prolungato, influenzati dall’inflazione persistente. Il Brent e il WTI hanno visto una diminuzione, mentre la Federal Reserve attende segnali più chiari di un rallentamento dell’inflazione prima di considerare riduzioni dei tassi.

Leggi tutti