17:40 venerdì 19 Aprile 2024

Piazza Affari recupera sul finale e chiude a +0,12%

Piazza Affari chiude poco sopra la parità, al termine di una seduta volatile aperta in calo. Il Ftse Mib termina in rialzo dello 0,12% a 33.922,16 punti, con Terna (+2,2%), Diasorin (+1,8%), Finecobank (+1,4%) ed Enel (+1,4%) in vetta. Arretrano invece Saipem (-2,1%) e Stm (-2,3%), in coda al listino principale.

In mattinata, la notizia di un attacco di Israele nei confronti dell’Iran ha fatto scattare gli acquisti su petrolio, dollaro e Treasury, ma i media di Teheran hanno gettato acqua sul fuoco, stemperando il clima di avversione al rischio sui mercati.

Si chiude una settimana vorticosa per l’azionario, con l’S&P 500 al test dei 5.000 punti e prossimo al sesto calo consecutivo, la striscia peggiore da ottobre 2022.

Le tensioni in Medio Oriente hanno tenuto banco, dopo l’escalation dello scorso weekend, mentre le trimestrali negli Usa hanno fornito indicazioni in chiaroscuro. Oggi Netflix arretra malgrado i risultati positivi del primo trimestre, complice la decisione di non comunicare più sistematicamente i dati su abbonati e ricavi medi per utente dal 2025.

Sul fronte della politica monetaria, la Fed sembra sempre meno propensa a tagliare i tassi nel breve termine per via degli scarsi progressi sul fronte dell’inflazione, come confermato anche oggi dal membro di Chicago Goolsbee. Dalla Bce, invece, giungono continui segnali di apertura per una riduzione dei costi di finanziamento a giugno.

Dall’agenda macro sono giunti soltanto i dati sui prezzi alla produzione tedeschi, superiori alle attese (+0,2% m/m e -2,9% a/a nel mese di marzo) e l’inflazione giapponese, al di sotto delle stime (2,7% annuo).

La prossima settimana vedrà la pubblicazione degli indici Pmi preliminari di aprile in Europa e negli Usa martedì, oltre alla prima lettura del Pil statunitense del primo trimestre giovedì e il Pce core di marzo venerdì. Per quanto riguarda i risultati corporate, focus sui conti di Alphabet e Microsoft in uscita giovedì a mercati chiusi.

Piazza Affari si prepara al primo importante appuntamento dell’anno in termini di dividendi. Lunedì 22 aprile 8 big del Ftse Mib si appresteranno a staccare la cedola, tra cui UniCredit e Banco Bpm.

Sull’obbligazionario, i rendimenti dei Treasury si sono riallineati dopo una discesa iniziale, con il decennale al 4,6% e il biennale al 4,97%. Lo spread Btp-Bund è poco mosso a 142 punti base, con il decennale italiano al 3,93% e il Bund al 2,51%, in attesa del giudizio di S&P sul rating dell’Italia.

Tra le materie prime, il petrolio Brent viaggia in area 87,5 dollari al barile dopo la fiammata di stamattina oltre 90$ e l’oro si mantiene sopra i 2.390 dollari l’oncia. Sul Forex, il cambio euro/dollaro scambia a 1,067 e il dollaro/yen si attesta a 154,6.

Breaking news

17:37
Piazza Affari chiude in ribasso (-1,5%), vendite su Mps

Giornata in rosso per le borse europee e Piazza Affari. Crolla Mps in scia alla nuova tegola giudiziaria sugli aiuti di Stato

16:54
Eventi estremi: Helvetia Italia sostiene riqualificazione per rigenerare ecosistema

Helvetia Italia è impegnata attivamente nella tutela della biodiversità e rigenerazione del territorio per prevenire i rischi che negli ultimi tempi gli eventi catastrofali hanno determinato sul territorio italiano. In collaborazione con la naturetech company 3Bee, infatti, l’Oasi Helvetia, che nel 2023 contava già 200 piante nettarifere, si è recentemente arricchita di ulteriori 200 elementi.

09:10
Piazza Affari apre sotto la parità, oggi inflazione Germania

Avvio debole a Piazza Affari e in Europa. Oggi i dati sui prezzi al consumo tedeschi e gli indici di fiducia in Italia

08:47
Fmi rivede al rialzo previsioni Pil Cina: +5% e +4,5% nel 2024-25

Il FMI ha aggiornato le sue previsioni sulla crescita economica della Cina per quest’anno al 5%, rispetto al 4,6% precedente

Leggi tutti