Piazza Affari chiude a +0,2%, petrolio in calo dopo Opec+

di Marco Russo
30 Novembre 2023 17:41

Chiusura poco sopra la parità per Piazza Affari e le altre borse europee, mentre Wall Street procede contrastata nell’ultima seduta di un novembre complessivamente positivo per i mercati azionari. Il Ftse Mib termina la seduta in rialzo dello 0,2% a 29.737 punti, con acquisti in particolare su Saipem (+3,4%) e Tenaris (+2,7%) mentre arretrano Ferrari (-1,4%) e Unicredit (-1,3%).

Giornata ricca di appuntamenti macroeconomici, a partire dai dati sull’inflazione dell’eurozona, in rallentamento al 2,4% con un dato core al 3,6%. In Italia, i prezzi al consumo armonizzati hanno frenato allo 0,7%, mentre negli Usa il core Pce è passato dal 3,7% al 3,5%.

Numeri che rafforzano la prospettiva di tassi stabili nelle prossime riunioni di Bce e Fed, mentre gli operatori intensificano le scommesse sui tagli al costo del denaro nel 2024. Atteso domani un discorso del presidente della banca centrale americana, Jerome Powell.

I segnali provenienti dall’economia e dalla politica monetaria negli ultimi giorni hanno favorito una discesa dei rendimenti obbligazionari, che oggi però risalgono in scia ai dubbi che i movimenti dei giorni scorsi siano stati eccessivi. Il Treasury decennale si riporta al 4,32%, il Bund al 2,45% e il Btp al 4,22%, con lo spread tra decennale italiano e tedesco in aumento a 177 punti base.

Sul Forex, l’euro/dollaro scende a 1,091 mentre il dollaro/yen viaggia si apprezza a 147,8. Tra le materie prime, il petrolio Brent perde il 3% e torna a 80 dollari al barile, nonostante i tagli supplementari per 1 milione di barili al giorno decisi dall’Opec+, anche se i dettagli dell’accordo tra i Paesi produttori rimangono incerti.