08:47 mercoledì 29 Maggio 2024

Fmi rivede al rialzo previsioni Pil Cina: +5% e +4,5% nel 2024-25

Il Fondo Monetario Internazionale ha rivisto al rialzo le previsioni di crescita della Cina nel 2024 dal 4,6% al 5%, per riflettere la forte espansione di inizio anno e l’ulteriore supporto da parte del governo. Il Fondo si aspetta che questo slancio continui anche nel 2025 e ha alzato la stima sul Pil per l’anno prossimo dal 4,1% al 4,5%.

La Cina ha dichiarato un obiettivo di crescita di circa il 5% quest’anno. Nel primo trimestre, ha segnalato un’espansione migliore del previsto, pari al 5,3%, nonostante una prolungata recessione nel settore immobiliare che continua a gravare sulla domanda interna.

“Certamente vediamo una ripresa dei consumi ma c’è ancora strada da fare,” ha detto il primo vice direttore generale del Fondo, Gita Gopinath, in un’intervista con Bloomberg News all’inizio di questa settimana. “La forza che stiamo vedendo negli investimenti pubblici rimane. Gli investimenti privati invece sono ancora deboli, principalmente a causa delle difficoltà nel settore immobiliare.”

Il FMI ha invitato Pechino a fornire ulteriore supporto monetario e fiscale per l’economia, inclusi maggiori passi per risolvere la crisi abitativa, che persiste nonostante i ripetuti sforzi delle autorità per stabilizzare i prezzi e stimolare la domanda.

All’inizio di questo mese, i funzionari cinesi hanno annunciato un nuovo sforzo per sostenere i mercati immobiliari, facilitando i requisiti per il pagamento iniziale per gli acquirenti e fornendo 300 miliardi di yuan (42 miliardi di dollari) di finanziamenti della banca centrale per aiutare i governi locali ad acquistare l’eccesso di inventario dagli sviluppatori.

Gopinath ha detto che è necessario fare di più. “La politica fiscale dovrebbe dare priorità alla fornitura di un sostegno finanziario una tantum del governo centrale per il settore immobiliare”, mentre una bassa inflazione significa che c’è anche spazio per ulteriori allentamenti monetari.

Inoltre, il Fondo sta ancora valutando gli effetti dei dazi recentemente annunciati dagli Stati Uniti nei confronti della Cina. Secondo Gopinath, le politiche che aumentano la frammentazione sono negative per tutto il mondo.

“C’è stato un aumento delle politiche commerciali più restrittive tra i paesi,” con circa 3.000 nuove restrizioni commerciali imposte nel 2023 — il triplo del numero nel 2019 — ha detto Gopinath.

Breaking news

12:28
Lufthansa in calo a Francoforte: -4,8%

Le azioni di Lufthansa subiscono un calo significativo alla Borsa di Francoforte dopo la raccomandazione di JP Morgan di vendere il titolo e la riduzione del target price. La compagnia aerea tedesca è alle prese con la procedura antitrust della UE per l’acquisizione di Ita.

12:27
Parmacotto, 25 milioni di finanziamento da Crédit Agricole, BPER e Banco BPM per espandersi all’estero

Crédit Agricole Italia, insieme a BPER e Banco BPM, ha concesso un finanziamento di 25 milioni di euro a Parmacotto per sostenere la sua espansione internazionale e i piani di crescita fino al 2027.

11:17
UE, la Cina è pronta a reagire dopo i dazi sui veicoli elettrici

La Cina ha dichiarato di riservarsi il diritto di presentare un reclamo all’Organizzazione mondiale del commercio (Omc) dopo l’annuncio dell’Unione europea sull’imposizione di dazi sui veicoli elettrici cinesi. Il portavoce del Ministero del Commercio cinese, He Yadong, ha affermato che la Cina adotterà tutte le misure necessarie per difendere i diritti e gli interessi delle imprese cinesi.

10:18
Chiusura in calo per la Borsa di Tokyo: Nikkei -0,4%

La Borsa di Tokyo ha chiuso in ribasso a causa delle perdite nei titoli automobilistici e assicurativi, mentre gli investitori attendono le decisioni della Banca del Giappone.

Leggi tutti