12:06 venerdì 19 Aprile 2024

Brugola OEB torna al 100% nella mani della famiglia Brugola

Dopo 34 anni la proprietà totale del gruppo Brugola OEB ritorna nelle mani della famiglia Brugola grazie ad un’operazione di riacquisto delle quote di minoranza.

Lo annuncia la stessa azienda italiana multinazionale, leader  nella produzione di viti per il settore automotive. In particolare, la famiglia Brugola ha riacquistato l’80% delle quote della holding di partecipazione A.B.F s.r.l., possedute dai due soci A. Agrati S.p.A. e Fontana Finanziaria S.p.A. A.B.F. s.r.l., la quale a sua volta deteneva indirettamente il 30% del gruppo Brugola, fu costituita nel marzo 1990 con l’intento di ampliare le attività commerciali all’estero.

Già nel 2018, l’azienda riuscì ad ottenere l’uscita del Fondo Italiano di Investimento, il quale deteneva una partecipazione in Brugola OEB dal 2015, attivata per sostenere l’apertura della sede statunitense. L’attuale operazione rafforza ulteriormente l’intenzione di mantenere le quote societarie all’interno della famiglia.

A coadiuvare il gruppo nell’operazione, Deutsche Bank S.p.A. per il supporto finanziario, Andersen con un team composto da Alessio Gambuzza, Paola Pellegrini e Matilde Fassio in qualità di Debt advisor e Maricla Pennesi, Letizia Carrara, Giovanni Gallucci e Marianna Casale per gli aspetti fiscali di strutturazione della operazione. I temi legali e societari sono stati seguiti dallo Studio Pavia e Ansaldo, nella persona dell’Avv.to Broglio.

“E’ con grande orgoglio e profonda emozione che annunciamo il risultato di questa operazione societaria, iniziata lo scorso anno, ma che in realtà rappresenta un obiettivo e un traguardo aziendale e famigliare atteso da ben 34 anni” dichiara Jody Brugola, Presidente Brugola OEB. “Questo è un gesto che sentivo il dovere e il desiderio di compiere in onore di mio padre e, ancor prima, di mio nonno, i quali hanno dedicato passione e impegno alla costruzione di questa azienda. Ovviamente, non intendiamo fermarci qui. Brugola è sempre orientata al progresso e abbiamo numerosi obiettivi da perseguire. Grazie a questa operazione, avvenuta proprio in un momento strategico, possiamo continuare a rispettare il nostro piano di espansione e crescita, con l’intento di soddisfare la richiesta del mercato con prodotti eccellenti, innovativi e su misura per i nostri clienti. Ci teniamo in questa circostanza a ringraziare le due storiche aziende che in questi anni hanno partecipato come soci del gruppo in maniera leale e corretta dando la possibilità alla nostra azienda di poter crescere e investire. Allo stesso tempo, ringraziamo tutte quelle persone che hanno creato i presupposti e lavorato per questo importante risultato”.

Breaking news

17:38
Piazza Affari chiude piatta, utilities in rosso

Finale poco mosso per Piazza Affari e le altre borse europee dopo i dati sui salari e gli indici Pmi. Rendimenti in rialzo e utilities giù

16:31
Euro Zona, la fiducia dei consumatori è in lieve miglioramento

L’ultimo sondaggio mensile della Direzione Generale degli Affari Economici e Finanziari della Comunità europea (DG ECFIN) mostra un leggero miglioramento della fiducia dei consumatori europei a maggio 2024. La fiducia è salita a -14,3 punti nell’Eurozona rispetto ai -14,7 di aprile, mentre nell’intera Unione Europea l’indicatore è pari a -13,2 punti.

16:25
Nvidia traina il rialzo del Nasdaq a Wall Street: +7,8% in apertura

A Wall Street, il Nasdaq apre in forte crescita grazie alla spinta di Nvidia, che supera i 1.000 dollari per azione. Intanto, il mercato del lavoro statunitense si dimostra ancora solido, nonostante i segnali di rallentamento dell’attività economica ad aprile.

15:04
OCSE, cresce il PIL nel primo trimestre 2024: UK e Canada in testa

Il PIL dell’area OCSE ha registrato una crescita dello 0,4% nel primo trimestre dell’anno, trainato dalle performance di Regno Unito e Canada. Anche Germania, Francia e Italia mostrano segnali di ripresa, mentre gli USA rallentano.

Leggi tutti